VINI DELLA TOSCANA

Vini Toscana

I vini della Toscana: vini toscani DOC, DOCG e IGT

La produzione di vini in Toscana è senz'altro favorita da caratteristiche del territorio e climatiche.

La regione Toscana è in gran parte collinare e consente una coltivazione estesa del vino accompagnata ad un clima mite e mediterraneo. L'insieme dei vini della Toscana consente a questa regione di essere la prima produttrice italiana di vini dell'Italia centrale.

I vini della Toscana prodotti

Ogni anno vengono prodotti quasi tre milioni di ettolitri di vini toscani dei quali la stragrande maggioranza sono di vino del Chianti. Basti pensare che il solo Chianti ha ben sette denominazioni di origine controllata ed il territorio dove questo vino è coltivato si estende per ben sette provincie. I vini del Chianti non sono però la totalità dei vini DOCG della Toscana; ricordiamo infatti in questa sede etichette pregiate quali il Brunello di Montalcino, il Morellino di Scansano, il Nobile di Montepulciano e la Vernaccia di San Gimignano.

I vini toscani del Chianti

Il Chianti è una regione dall'altimetria variabile, montagnosa e collinare, del clima ideale per la coltivazione di vini rossi toscani pregiati ma anche di olio. Il Chianti si ricava da vini della Toscana quali il Canaiolo Nero, il Sangiovese, la Malvasia del Chianti, il Trebbiano Toscano. Il Chianti si distingue anche per la bellezza dei paesaggi, spesso meta di turisti europei ed italiani che scelgono ogni anno di passare le loro vacanze in questo territorio incantato.

Il Governo dei vini in Toscana

Spesso ai vini in Toscana viene applicata la cosiddetta pratica del "Governo". Il governo consiste nel far rifermentare il vino appena svinato aggiungendovi uve scelte leggermente appassite. Questa operazione viene effettuata in inverno quando il vino termina la sua fermentazione ed è pronto ad essere passato nelle botti. Lo scopo di questa procedura è quello di fornire ai vini rossi toscani una maggiore corposità del gusto e vivacità. Aggiungiamo anche che la Toscana non è solo patria di grandi vini rossi, recentemente è in rilancio la coltivazione anche di alcune tipologie di vino bianco di qualità.

Montecarlo Bianco DOC

Vino bianco direttamente dalla regione Toscana: vino Montecarlo Bianco

Il vino Montecarlo Bianco DOC sembra inizi la propria diffusione nella nostra nazione durante il ottocento attraverso l’utilizzo di uve Trebbiano Toscano (70%) con aggiunte di Semillon, Roussanne, Sauvignon, Pinot Grigio, Vermentino.

Da quella data il vino Montecarlo Bianco è un vino bianco tra i maggiormente caratteristici del territorio della regione Toscana all’interno della quale sono presenti i maggiori centri di produzione.

Vino Montecarlo Bianco all’aspetto ed al palato

Andiamo ora ad esaminare le caratteristiche olfattive e gustative che contraddistinguono il vino Montecarlo Bianco e le quali gli garantiscono di essere considerato come uno tra i vini nazionali maggiormente conosciuti.

In bocca il gusto del vino Montecarlo Bianco è armonico ed asciutto con elegante nota di mandorla ed il colore appare bianco paglierino a riflessi dorati. Ma dire che il piacere di assaporarlo comincia già dal il primo momento della degustazione quando il suo caratteristico profumo delicato con aromi di frutta bianca e fiori soddisferà il vostro olfatto.

Vino Montecarlo Bianco DOC: invecchiamento e gradazione

Il Montecarlo Bianco risulta essere un vino con una percentuale alcolica di 11, 5 gradi circa mentre il tempo di invecchiamento dopo il quale risulta ottimale la sua consumazione è di alcuni mesi e non anni. Tutte le stagioni sono prodotti all’incirca 7500 hl di vino Montecarlo Bianco che corrispondono a più o meno 1000000 bottiglie.

I territori dell’Italia nei quali la produzione del Montecarlo Bianco risulta essere più presente sono le zone di Montecarlo, Cercatoia.

Con che cosa si abbina il vino Montecarlo Bianco

La capacità di abbinare ai cibi più saporiti un vino adatto appare una di quelle cose che valorizzano la tua tavola. Il vino Montecarlo Bianco è adatto in particolar modo ad essere servito con crostacei, pesci al forno o grigliati, verdure, frittate, bruschette e panzanelle.

Carmignano DOCG

Vino rosso di qualità dalla regione Toscana: vino Carmignano

Uno fra i vini più famosi della regione Toscana è il vino Carmignano DOCG e il vitigno si coltiva dal settecento.

Il vino Carmignano è un vino rosso e risulta essere composto da vitigni esclusivi come Sangiovese (70%), Canaiolo (20%), Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon (15%), Malvasia e Trebbiano (10%), altre uve (5%).

Vino Carmignano: caratteristiche organolettiche

Andiamo adesso ad esaminare le caratteristiche olfattive e gustative le quali caratterizzano il vino Carmignano e le quali gli garantiscono di essere annoverato quale uno dei vini d’Italia più pregiati.

Aprendo una bottiglia il vino Carmignano si presenta con un colore rosso rubino che invecchiando assume color granata a riflessi ambrati mentre il suo profumo appare vinoso ed intenso con sentori decisi di mora, viola mammola e frutti di bosco. Ma è il sapore ciò che separa un vino di qualità dai vini di tutti i giorni. In bocca il vino Carmignano si rivela vellutato, sapido, morbido e persistente.

Dove si produce il Carmignano DOCG

Il Carmignano risulta essere un vino con una percentuale alcolica di 12, 5 gradi circa mentre il tempo di invecchiamento dopo il quale è ideale la sua consumazione è di 10 anni. Ogni anno sono raccolti all’incirca 2000 ettolitri di vino Carmignano i quali danno luogo a più o meno 270000 bottiglie.

Nel caso in cui desideriate provare il vero vino Carmignano DOCG non dovete fare altro che recarvi nelle zone di Carmignano, Poggio a Caiano.

Come abbinare a tavola il Vino Carmignano

La capacità di abbinare ai piatti più ricercati un buon vino è una di quelle peculiarità che valorizzano la tua tavola. Il vino Carmignano è adatto in particolar modo ad abbinarsi con carni rosse, selvaggina da pelo, formaggi.

Chianti DOCG

Il vino Chianti: vino rosso proveniente dalla regione Toscana

Uno fra i vini più caratteristici della regione Toscana risulta essere il vino Chianti DOCG e si coltiva sin dal diciannovesimo secolo.

Il vino Chianti è un vino rosso e viene composto da uve ricercati come Sangiovese (75-90%), Canaiolo (5-10%), Trebbiano Toscano e Malvasia del Chianti (5-10%).

Colore e sapore del vino Chianti

Andiamo adesso ad elencare le caratteristiche olfattive e gustative le quali contraddistinguono il vino Chianti e che gli garantiscono di essere considerato come uno tra i vini nazionali più pregiati.

Aprendo una bottiglia il vino Chianti sfoggia un colore rosso rubino vivace mentre all’olfatto appare intensamente vinoso con aromi di viola mammola, vaniglia e giaggiolo. E’ però il il sapore ciò che discerne un vino pregiato dai vini di tutti i giorni. Al palato il vino Chianti risulta essere armonico e asciutto con sentori di mandorla e vaniglia, invecchiando assume connotati morbidi e vellutati.

Vino Chianti: produzione e gradazione

Il Chianti è un vino con una gradazione di 11, 5 (12 il Riserva) gradi circa ed il periodo di maturazione dopo il quale è ottimale la sua degustazione è di 3-4 anni. Ogni stagione sono raccolti all’incirca 440000 ettolitri di vino Chianti i quali corrispondono a circa 57500000 bottiglie.

Le zone dell’Italia in cui la coltivazione del Chianti risulta essere più sviluppata sono i territori della maggior parte della Toscana dell'entroterra è la zona della Maremma.

Come abbinare a tavola il Vino Chianti

L’abilità di associare ai cibi più ricercati un vino adatto appare una tra le peculiarità capaci di impreziosire la tua tavola. Il vino Chianti è ideale in special modo ad essere servito con tutto il pasto, carni rosse, selvaggina, formaggi pecorini e di fossa.

Vernaccia di San Gimignano DOCG

Vino bianco prestigioso dalla regione Toscana: vino Vernaccia di San Gimignano

Il vino Vernaccia di San Gimignano DOCG sembra inizi la propria coltivazione nel territorio italiano durante il duecento dall’uso di uve Vernaccia (90%) con aggiunta di altre uve bianche.

Da quella data il vino Vernaccia di San Gimignano risulta essere un vino bianco fra i più caratteristici del territorio della regione Toscana nella quale sono presenti i maggiori centri di coltivazione.

Sensazioni del vino Vernaccia di San Gimignano

Un vino pregiato ha l’obbligo di soddisfare, attraverso le sue caratteristiche organolettiche, il palato e l’olfatto della persona che lo degusta ed in questo il vino Vernaccia di San Gimignano appare eccellente assolutamente.

Osservandolo il vino Vernaccia di San Gimignano appare di un colore giallo paglierino di intensità variabile, anche con riflessi dorati mentre all’olfatto risulta ricco e vinoso con sentori di fiori bianchi, mela selvatica e mandorlo. Ma è il gusto quello che separa un vino di qualità dai vini di tutti i giorni. Al palato il vino Vernaccia di San Gimignano si presenta morbido e pulito con gradevole nota acidula.

Dove si produce il Vernaccia di San Gimignano DOCG

Il Vernaccia di San Gimignano risulta essere un vino avente una percentuale alcolica di 11 gradi approssimativamente ed il tempo di maturazione dopo il quale è consigliata la sua consumazione è di 3-5 anni. Ogni stagione sono raccolti approssimativamente 35000 hl di vino Vernaccia di San Gimignano i quali danno luogo a più o meno 4800000 bottiglie.

Nel caso in cui desideriate provare il reale vino Vernaccia di San Gimignano DOCG potete andare nei territori di San Gimignano.

Con che cosa si abbina il vino Vernaccia di San Gimignano

La capacità di abbinare ai piatti più saporiti un vino di qualità appare una delle peculiarità capaci di valorizzare la tua cena. Il vino Vernaccia di San Gimignano risulta ideale soprattutto ad accompagnare antipasti di verdura, insalate di riso e pasta, pesce alla griglia o in frittura.

Brunello di Montalcino DOCG

Il vino Brunello di Montalcino: vino rosso pregiato dalla regione Toscana

Il vino Brunello di Montalcino DOCG sembra inizi la sua coltivazione nella nostra nazione durante il 1800 dall’utilizzo di uve Brunello (Sangiovese Grosso).

Da quel tempo il vino Brunello di Montalcino risulta essere un vino rosso tra i più tipici del territorio della regione Toscana all’interno della quale sono raccolti i maggiori vigneti di produzione.

Vino Brunello di Montalcino: caratteristiche organolettiche

Andiamo di seguito ad esplicitare le sensazioni organolettiche che caratterizzano il vino Brunello di Montalcino e le quali gli garantiscono di essere individuato quale uno fra i vini nazionali più pregiati.

Al palato il sapore del vino Brunello di Montalcino è austero, vellutato, morbido e asciutto mentre alla vista appare rosso rubino pieno di riflessi arancio. Bisogna dire che il piacere di assaggiarlo inizia già dalla prima fase della degustazione quando il suo fantastico profumo avvolgente e vinoso con note di vaniglia e viola soddisferà il vostro olfatto.

Gradi del Brunello di Montalcino DOCG e invecchiamento

Il Brunello di Montalcino è un vino con una percentuale alcolica di 12, 5 gradi approssimativamente mentre il tempo di maturazione dopo il quale è ideale la sua consumazione è di 20 o più anni. Tutte le stagioni sono raccolti all’incirca 50000 ettolitri di vino Brunello di Montalcino i quali corrispondono a circa 6700000 bottiglie.

I territori d’Italia nei quali la produzione del Brunello di Montalcino risulta essere maggiormente sviluppata sono i territori di Montalcino.

Con che cosa si abbina il vino Brunello di Montalcino

Saper associare ai cibi più saporiti un vino adatto appare una tra le cose che valorizzano la tua cena. Il vino Brunello di Montalcino risulta adatto soprattutto ad abbinarsi con carni rosse, brasati, cinghiali, cervi, caprioli, formaggi di fossa.

Nobile di Montepulciano DOCG

Il vino Nobile di Montepulciano: vino rosso di qualità dalla regione Toscana

Il vino Nobile di Montepulciano DOCG vede cominciare la sua coltivazione nel territorio italiano sin dal nono secolo attraverso l’utilizzo di uve Prugnolo Gentile (60-80%), Canaiolo (10-20%), Trebbiano e Malvasia (20%), Mammolo e altri vitigni per la restante parte.

Da quella data il vino Nobile di Montepulciano è un vino rosso tra i maggiormente ricercati del territorio della regione Toscana nella quale vi sono la gran parte dei centri di produzione.

Sensazioni del vino Nobile di Montepulciano

Un vino di qualità deve saper appagare, attraverso le sue caratteristiche organolettiche, l’olfatto ed il palato di chi lo consuma ed in questo talento il vino Nobile di Montepulciano appare eccellente senza difficoltà.

Osservandolo il vino Nobile di Montepulciano appare di un colore rosso granata a riflessi aranciati mentre all’olfatto è avvolgente e vinoso con sentori di viola mammola, susina e lampone. Ma è il gusto ciò che separa un vino di qualità dai vini di tutti i giorni. Assaporandolo il vino Nobile di Montepulciano risulta lievemente tannico, elegante con sottofondo amarognolo.

Gradi del Nobile di Montepulciano DOCG e invecchiamento

Il Nobile di Montepulciano risulta essere un vino con una gradazione di 12, 5 gradi approssimativamente mentre il periodo di maturazione dopo il quale è ideale la sua consumazione è di 5-8 anni. Tutte le vendemmie sono raccolti approssimativamente 35000 hl di vino Nobile di Montepulciano che danno luogo a più o meno 4800000 bottiglie.

Le località dell’Italia nei quali la coltivazione del Nobile di Montepulciano risulta essere più presente sono le zone di Montepulciano, Valiano, Abbadia di Montepulciano, Sant'Albino, Argiano, San Savino, Gracciano.

Con che cosa si abbina il vino Nobile di Montepulciano

La capacità di associare ai cibi più saporiti un vino di qualità è una di quelle cose che valorizzano la tua tavola. Il vino Nobile di Montepulciano è ideale soprattutto ad abbinarsi con arrosti di carne bianca e rossa, piatti in umido, selvaggina, formaggi stagionati.

Sassicaia Bolgheri DOC

Vino rosso prestigioso dalla regione Toscana: vino Sassicaia Bolgheri

Uno dei vini più caratteristici del territorio del Toscana risulta essere il vino Sassicaia Bolgheri DOC e l’inizio della sua coltivazione è datato 1968.

Il vino Sassicaia Bolgheri è un vino rosso e risulta essere composto da uve ricercati come Cabernet Sauvignon (70%), Cabernet Franc (30%).

Vino Sassicaia Bolgheri: caratteristiche organolettiche

Un vino pregiato ha l’obbligo di soddisfare, tramite le sue caratteristiche organolettiche, l’olfatto ed il palato della persona che lo consuma ed in questo talento il vino Sassicaia Bolgheri appare eccellente senza difficoltà.

Al palato il gusto del vino Sassicaia Bolgheri è armonico e lunghissimo nel riproporre le sensazioni olfattive ed alla vista appare rosso granata brillante ed intenso. Ma segnalare che la bellezza di assaggiarlo comincia già dalla prima fase della degustazione quando il suo inebriante profumo intenso e vinoso con aromi di spezie, vaniglia, marasca su fondo erbaceo appagherà il vostro olfatto.

Vino Sassicaia Bolgheri DOC: invecchiamento e gradazione

Il Sassicaia Bolgheri è un vino avente una percentuale alcolica di 12, 5 gradi approssimativamente ed il periodo di maturazione in cui risulta ottimale la sua consumazione è di 30 e più anni. Tutte le stagioni sono prodotti circa 1500 hl di vino Sassicaia Bolgheri che danno luogo a circa 200000 bottiglie.

Se desiderate provare il reale vino Sassicaia Bolgheri DOC non dovete fare altro che recarvi nei territori di Bolgheri.

Come abbinare a tavola il Vino Sassicaia Bolgheri

L’abilità di associare ai piatti più ricercati un buon vino è una delle cose che valorizzano la tua cena. Il vino Sassicaia Bolgheri è ideale in special modo ad accompagnare arrosti e brasati di carni rosse, selvaggina da pelo, formaggi di buona stagionatura.

Elba Bianco DOC

Vino bianco proveniente dalla regione Toscana: vino Elba Bianco

Il vino Elba Bianco DOC vede cominciare la sua diffusione in Italia durante il tempo dei Romani attraverso l’utilizzo di uve Trebbiano Toscano (80%) più altre uve dell'isola a bacca bianca.

Da quel tempo il vino Elba Bianco è un vino bianco tra i più tipici del territorio della regione Toscana all’interno della quale sono presenti i maggiori centri di coltivazione.

Vino Elba Bianco: profumo e gusto

Andiamo di seguito ad esplicitare le caratteristiche olfattive e gustative che caratterizzano il vino Elba Bianco e le quali gli garantiscono di essere annoverato come uno tra i vini nazionali maggiormente tipici.

Ad una prima osservazione il vino Elba Bianco appare di un colore giallo paglierino scarico e brillante mentre il suo profumo è vinoso con note di macchia mediterranea. Ma è il gusto ciò che distingue un vino esclusivo dai vini comuni. Assaporandolo il vino Elba Bianco si rivela fresco e asciutto.

La produzione del Elba Bianco DOC

Il Elba Bianco risulta essere un vino avente una gradazione di 11, 5 gradi circa ed il periodo di invecchiamento durante il quale è ideale la sua degustazione è di alcuni mesi e non anni. Ogni stagione sono prodotti circa 4500 ettolitri di vino Elba Bianco i quali corrispondono a più o meno 600000 bottiglie.

Le località dell’Italia nei quali la produzione del Elba Bianco è più sviluppata sono i territori di Portoferraio, Terme di San Giovanni, Magazzini, Rio nell'Elba, Rio Marino, Porto Azzurro, Capoliveri, Marciana, Procchio, marina di Campo.

Il vino Elba Bianco a tavola

Saper abbinare ai piatti più ricercati un vino adatto appare una tra quelle cose capaci di valorizzare la tua tavola. Il vino Elba Bianco è ideale in special modo ad essere servito con pesci, aperitivi, conchigliame.

Morellino di Scansano DOCG

Vino rosso pregiato dalla regione Toscana: vino Morellino di Scansano

Il vino Morellino di Scansano DOCG vede iniziare la propria diffusione nella nostra nazione sin dal tempo antico dall’uso di uve Sangiovese (85%) più altre uve a bacca rossa.

Da allora il vino Morellino di Scansano è un vino rosso tra i maggiormente tipici della regione Toscana nella quale vi sono la gran parte dei vigneti di coltivazione.

Caratteristiche organolettiche del vino Morellino di Scansano

Andiamo di seguito ad esaminare le sensazioni olfattive e gustative che caratterizzano il vino Morellino di Scansano e le quali gli consentono di essere individuato come uno tra i vini d’Italia maggiormente conosciuti.

Osservandolo il vino Morellino di Scansano si presenta con un colore intenso rosso rubino con venature granata ed arancioni mentre al naso risulta ricco, al limite del grasso, con sentori di sottobosco e marasca. E’ però il il sapore quello che separa un vino di qualità dai vini di tutti i giorni. In bocca il vino Morellino di Scansano appare ricco e morbido su un lontano fondo acidulo.

Gradi del Morellino di Scansano DOCG e invecchiamento

Il Morellino di Scansano risulta essere un vino avente una percentuale alcolica di 11, 5 gradi approssimativamente mentre il tempo di maturazione in cui è ideale la sua degustazione è di 3-4 anni. Ogni vendemmia vengono prodotti circa 22000 ettolitri di vino Morellino di Scansano che corrispondono a più o meno 3000000 bottiglie.

Se volete trovare il reale vino Morellino di Scansano DOCG potete recarvi nei territori di Scansano, Magliano in Toscana, Montemerano.

Il vino Morellino di Scansano a tavola

L’abilità di associare ai cibi più saporiti un buon vino è una delle peculiarità che valorizzano la tua cena. Il vino Morellino di Scansano risulta ideale in particolar modo ad abbinarsi con carni alla griglia, fiorentine, baccalà, cernie con sughi ricchi.

Vino Ansonica Costa dell'Argentario DOC

Vino bianco pregiato dalla regione Toscana: vino Ansonica Costa dell'Argentario

La regione Toscana ha spesso prodotto, nel corso della propria tradizione vinicola, vini rinomati ed il vino Ansonica Costa dell'Argentario DOC è senz'altro un fulgido esempio di vino bianco prodotto in queste zone della penisola.

E'attraverso l'utilzzo di uve Ansonica in Purezza che viene realizzato il Ansonica Costa dell'Argentario, vitigni presenti nei territori di Manciano, Orbetello, Capalbio, Isola del Giglio, Monte Argentario, Grosseto che si trasformano in un vino unico e inimitabile.

Vino Ansonica Costa dell'Argentario allolfatto ed al gusto

La degustazione di un buon vino si concretizza l'esame dei 5 sensi; è dunque con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le caratteristiche organolettiche tipiche di un vino di qualità.

Deriva dalla qualità dei vitigni che lo compongono il vino Ansonica Costa dell'Argentario il colore giallo paglierino più o meno carico della DOC il quale appaga la vista. In bocca quello che si evidenzia è un gusto asciutto, vivace, morbido, armonico, contemporaneamente all'olfatto il vino Ansonica Costa dell'Argentario si rivela leggermente fruttato e gradevole.

Con che cosa si abbina il vino Ansonica Costa dell'Argentario

Risulta preferibile mettere in tavola il vino Ansonica Costa dell'Argentario ad una temperatura di servizio di circa 10-12 gradi con antipasti di pesce, frutti di mare, primi con verdure, grigliate di pesce in quanto spesso il segreto di una pietanza cucinata perfettamente risulta essere proprio l'abilità di saperla portare in tavola con il vino DOC più indicato.

Vino Barco Reale di Carmignano DOC

Il vino Barco Reale di Carmignano: vino rosso direttamente dalla regione Toscana

Si è costretti a nominare il vino Barco Reale di Carmignano, vino rosso di ottima importanza e tradizione, quando ci si appresta a trattare di vini prestigiosi coltivati nel territorio della regione Toscana.

E' tramite l'utilzzo di uve Sangiovese, Canaiolo, Cabernet che viene realizzato il Barco Reale di Carmignano, vitigni coltivati nei comuni di Carmignano, Poggio a Caiano, Prato che si trasformano in un vino unico e inconfondibile.

Vino Barco Reale di Carmignano: profumo e gusto

La degustazione di un buon vino contempla l'analisi sensoriale; è infatti con vista, olfatto e il gusto che emergono tutte le caratteristiche tipiche di un vino di qualit.

Deriva dalla selezione dei vitigni utilizzati il vino Barco Reale di Carmignano il colore rosso vivace brillante della DOC che appaga gli occhi. Al naso il vino Barco Reale di Carmignano appare vinoso con connotazioni molto fruttate anche di sottobosco, contemporaneamente assaporandolo ci che emerge è un sapore asciutto, sapido, fresco pieno, armonico.

Con che cosa si abbina il vino Barco Reale di Carmignano

Risulta consigliabile mettere in tavola il vino Barco Reale di Carmignano ad una temperatura di servizio di circa 16-18 gradi assieme a minestroni robusti, trippa, arrosti di carni bianche poichè Frequentemente il trucco di una pietanza alla perfezione è proprio l'abilit di poterla servire con il vino pregiato più indicato.

Vino Bianco dell'Empolese DOC

Vino bianco pregiato dalla regione Toscana: vino Bianco dell'Empolese

La regione Toscana ha sempre sfornato, durante la propria tradizione vinicola, vini importanti ed il vino Bianco dell'Empolese DOC risulta essere senza dubbio un importante esempio di vino bianco coltivato in questo territorio.

Il Bianco dell'Empolese viene realizzato tramite l'uso di vitigni allevati nei comuni di Empoli, Fucecchio, Cerreto Guidi, Vinci, Capraia e Limite, Montecucco, Firenze che danno origine ad un vino caratteristico e inimitabile: le uve Trebbiano Toscano con eventuali aggiunte di Malvasia del Chianti.

Colore e sapore del vino Bianco dell'Empolese

E' con gusto, vista e l'olfatto che si possono apprezzare tutte le proprietà naturali di un vino importante; infatti l'atto di degustare un buon vino passa attraverso l'esame dei sensi.

Deriva dalla selezione degli uvaggi utilizzati il vino Bianco dell'Empolese il colore giallo chiaro tendente al paglierino proprio dellla DOC che delizia gli occhi. Al palato quello che si evidenzia risulta essere un gusto secco, armonico e fresco, mentre all'olfatto il vino Bianco dell'Empolese si dimostra delicato di fiori di campo.

Con che cosa si abbina il vino Bianco dell'Empolese

Spesso il segreto di una ricetta cucinata alla perfezione è semplicemente la capacità di saperla abbinare assieme al vino pregiato più indicato e quindi risulta preferibile mettere in tavola il vino Bianco dell'Empolese ad una temperatura di servizio di più o meno 10-12 gradi con torte salate, pesce alla griglia, antipasti non impegnativi.

Vino Bianco della Valdinievole DOC

Vino bianco prestigioso dalla regione Toscana: vino Bianco della Valdinievole

Non si può non nominare il vino Bianco della Valdinievole, vino bianco di grande importanza e tradizione, nel momento in cui ci si appresta a trattare di vini pregiati prodotti all'interno della regione Toscana.

E'attraverso l'uso di uve Trebbiano Toscano più aggiunte di Malvasia del Chianti, Canaiolo Bianco, Vermentino che prende vita il Bianco della Valdinievole, viti presenti nei comuni di Montecatini, Monsummano, Pistoia da cui deriva un un vino caratteristico e inconfondibile.

Colore e sapore del vino Bianco della Valdinievole

E' con vista, olfatto e il gusto che vengono alla luce tutte le caratteristiche organolettiche tipiche di un vino pregiato; è per questo che la degustazione di un vino DOC passa attraverso l'esame dei sensi.

Il vino Bianco della Valdinievole appare alla vista con un colore paglierino tendente al giallo che delizia lo sguardo e consegue dalla qualità degli uvaggi che lo compongono. All'olfatto il vino Bianco della Valdinievole si dimostra gradevole, delicato e caratteristico, mentre assaporandolo quello che si evidenzia risulta essere un sapore secco, vivace e armonico, talvolta tendente al frizzante.

Con che cosa si abbina il vino Bianco della Valdinievole

Risulta consigliabile servire il vino Bianco della Valdinievole ad una temperatura di più o meno 10-12 gradi con minestre regionali, pesci di acqua dolce, piatti di uova con formaggi vari in quanto spesso il segreto di una ricetta riuscita alla perfezione è proprio la capacità di poterla abbinare assieme al vino di qualità più indicato.

Vino Bianco di Pitigliano DOC

Il vino Bianco di Pitigliano: vino bianco proveniente dalla regione Toscana

Nella presente pagina del sito internet ci accingiamo ad esplicitare le caratteristiche salienti che contraddistingono il vino Bianco di Pitigliano per tutti gli appassionati di vino bianco DOC della regione Toscana, ottimo derivato della coltura della vite locale.

Il Bianco di Pitigliano nasce tramite l'utilzzo di vitigni allevati nelle zone di Pitigliano, Sorano, Scansano, Manciano, Grosseto che danno origine ad un vino unico e inimitabile: le uve Trebbiano Toscano, Greco, Malvasia Bianca, Verdello più Grechetto, Chardonnay, Sauvignon, Riesling Italico, Pinot Bianco.

Caratteristiche organolettiche del vino Bianco di Pitigliano

E'attraverso gusto, vista e l'olfatto che si possono apprezzare tutte le caratteristiche organolettiche naturali di un vino di qualit; infatti l'atto di degustare un vino pregiato si concretizza l'analisi sensoriale.

Consegue dalla qualit degli uvaggi utilizzati il vino Bianco di Pitigliano il colore paglierino con riflessi verdolini proprio dellla DOC che delizia gli occhi. Assaporandolo quello che si evidenzia risulta essere un sapore asciutto, sapido, di acidit equilibrata, mentre all'olfatto il vino Bianco di Pitigliano appare delicato.

Con che cosa si abbina il vino Bianco di Pitigliano

E' preferibile servire il vino Bianco di Pitigliano ad una temperatura di circa 10-12 gradi assieme ad aperitivo, pesce, antipasti misti in quanto sovente il segreto di una pietanza cucinata perfettamente risulta essere proprio l'abilit di saperla portare in tavola con il vino DOC più adatto.

Vino Bianco Pisano di San Torpè DOC

Il vino Bianco Pisano di San Torpè: vino bianco pregiato dalla regione Toscana

Nella presente sezione del sito andiamo ad esporre le proprietà salienti del vino Bianco Pisano di San Torpè per accontentare coloro che sono estimatori di vino bianco DOC della regione Toscana, storico prodotto della tradizione vinicola di quei luoghi.

Il Bianco Pisano di San Torpè viene realizzato con l'uso di viti presenti nei territori di Pisa, Casciana Terme, Lari, Palaia che danno origine ad un vino unico e inimitabile: le uve Trebbiano Toscano detto Procanico.

Sensazioni del vino Bianco Pisano di San Torpè

E'attraverso l'olfatto, il gusto e la vista che vengono alla luce tutte le caratteristiche organolettiche tipiche di un vino di qualità; infatti l'atto di degustare un buon vino contempla l'esame dei 5 sensi.

Il vino Bianco Pisano di San Torpè si presenta alla vista avente colore paglierino più o meno intenso che appaga gli occhi stessi e deriva dalla selezione degli uvaggi utilizzati. Al palato quello che emerge risulta essere un gusto delicato, secco e armonico, allo stesso modo al naso il vino Bianco Pisano di San Torpè appare vinoso e vivace.

La gradazione del Bianco Pisano di San Torpè è all'incirca di 11 gradi mentre il giusto periodo di maturazione dopo il quale è consigliabile aprire il vino è di all'incirca 3-12 mesi.! Il corretto periodo di invecchiamento passato il quale risulta preferibile consumare il vino risulta di circa 3-12 mesi invece la gradazione del Bianco Pisano di San Torpè risulta circa di 11 gradi.

Il vino Bianco Pisano di San Torpè a tavola

E' consigliabile mettere in tavola il vino Bianco Pisano di San Torpè ad una temperatura di più o meno 10-12 gradi con piatti di pesce e minestre in quanto spesso il trucco di una pietanza perfettamente risulta essere proprio la capacità di saperla servire assieme al vino di qualità maggiormente indicato.

Vino Candia dei Colli Apuani DOC

Vino bianco di qualità dalla regione Toscana: vino Candia dei Colli Apuani

Non si può non parlare del vino Candia dei Colli Apuani, vino bianco di ottima fattura e tradizione, quando si discute di vini pregiati prodotti nel territorio della regione Toscana.

Il Candia dei Colli Apuani nasce attraverso la vendemmia di vitigni coltivati nei comuni di Carrara, Massa e Montignoso da cui deriva un un vino unico e inimitabile: le uve Vermentino Bianco e Albarola più eventuali aggiunte di Trebbiano Toscano e Malvasia Bianca.

Vino Candia dei Colli Apuani: profumo e gusto

L'atto di degustare un vino pregiato contempla l'esame dei 5 sensi; è quindi attraverso vista, olfatto e il gusto che emergono tutte le qualità naturali di un vino importante.

Il vino Candia dei Colli Apuani si presenta alla vista con un colore giallo paglierino di intensità variabile il quale appaga gli occhi stessi e consegue dalla selezione dei vitigni che lo compongono. Al naso il vino Candia dei Colli Apuani si dimostra gradevole e delicato, allo stesso modo assaporandolo quello che emerge risulta essere un gusto amabile, armonico e fruttato, vivace o tranquillo.

Con che cosa si abbina il vino Candia dei Colli Apuani

Frequentemente il trucco di una portata alla perfezione risulta essere proprio la capacità di saperla portare in tavola con il vino DOC più indicato e quindi è preferibile mettere in tavola il vino Candia dei Colli Apuani ad una temperatura di servizio di circa 9-11 gradi con seppioline, antipasti di mare, minestre toscane.

Vino Capalbio DOC

Il vino Capalbio: vino rosso pregiato dalla regione Toscana

La regione Toscana ha spesso esportato, nel corso della sua tradizione vinicola, vini importanti ed il vino Capalbio DOC è sicuramente un fulgido esponente di vino rosso coltivato in queste zone della penisola.

Il Capalbio prende vita attraverso l'uso di vitigni coltivati nelle zone di Capalbio, Manciano, Orbetello, Magliano, Grosseto da cui deriva un un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Sangiovese più altri vitigni non aromatici.

Caratteristiche organolettiche del vino Capalbio

La degustazione di un vino DOC passa attraverso l'esame dei sensi; è quindi attraverso vista, olfatto e il gusto che emergono tutte quante le qualit naturali di un vino di qualit.

Consegue dalla selezione degli uvaggi utilizzati il vino Capalbio il colore rosso rubino più o meno carico proprio dellla DOC che appaga lo sguardo. Al naso il vino Capalbio si rivela vinoso, contemporaneamente al palato ci che emerge è un sapore giustamente tannico e asciutto.

La gradazione del Capalbio risulta circa di 11 gradi mentre il giusto tempo di invecchiamento dopo il quale risulta consigliabile aprire il vino risulta di approssimativamente 36-48 mesi.! Il corretto periodo di invecchiamento passato il quale è consigliabile consumare il vino risulta di approssimativamente 36-48 mesi mentre la gradazione del Capalbio è circa di 11 gradi.

Il vino Capalbio a tavola

Spesso il trucco di una portata riuscita perfettamente risulta essere semplicemente l'abilit di saperla portare in tavola con il vino pregiato più indicato motivo per cui è preferibile mettere in tavola il vino Capalbio ad una temperatura di servizio di più o meno 16-18 gradi con piatti tipici maremmani, carni alla griglia, salumi, formaggi pecorini.

Vino Chianti Classico DOCG

Vino rosso proveniente dalla regione Toscana: vino Chianti Classico

La regione Toscana ha sempre prodotto, nel corso della sua tradizione vinicola, vini pregiati ed il vino Chianti Classico DOCG risulta essere sicuramente un importante esponente di vino rosso prodotto in questo territorio.

Il Chianti Classico viene realizzato con la vendemmia di vitigni allevati nei comuni di Gaiole in Chianti, Radda in Chianti, Castellina, Castelnuovo Berardenga, Poggibonsi, Greve in Chianti, Barberino Val d'Elsa, San Casciano e Tavernelle, Val di Pesa che danno origine ad un vino caratteristico e inimitabile: le uve Sangiovese più altre uve locali rosse.

Sensazioni del vino Chianti Classico

La degustazione di un vino DOC si concretizza l'esame dei sensi; è dunque con vista, olfatto e il gusto che vengono alla luce tutte le caratteristiche tipiche di un vino pregiato.

Il vino Chianti Classico appare alla vista con un colore rubino, granato da invecchiato che appaga gli occhi stessi e deriva dalla qualit dei vitigni che lo compongono. Al naso il vino Chianti Classico si rivela vinoso con sentori di mammola, fine nell'invecchiamento, mentre in bocca ci che emerge risulta essere un sapore sapido e asciutto che si affina col tempo in vellutato, vivace e rotondo.

Con che cosa si abbina il vino Chianti Classico

Risulta consigliabile servire il vino Chianti Classico ad una temperatura di circa 18-22 gradi assieme a brasati, cacciagione, selvaggina, formaggi piccanti e stagionati poichè Frequentemente il segreto di una ricetta riuscita alla perfezione risulta essere proprio la capacit di saperla portare in tavola con il vino pregiato maggiormente adatto.

Vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale DOC

Il vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale: vino bianco direttamente dalla regione Toscana

E'obbligatorio nominare il vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale, vino bianco di ottima fattura e tradizione, quando ci si appresta a parlare di vini rilevanti prodotti nel territorio della regione Toscana.

Il Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale prende vita tramite l'utilzzo di viti allevate nelle zone di Arezzo, Firenze, Prato, Pistoia, Siena che danno origine ad un vino unico e inconfondibile: le uve Trebbiano Toscano e Malvasia del Chianti.

Caratteristiche organolettiche del vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale

L'atto di degustare un buon vino si concretizza l'esame dei sensi; è dunque attraverso che emergono tutte quante le caratteristiche organolettiche naturali di un vino importante.

Il vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale si presenta ai nostri occhi avente colore paglierino dorato fino all'ambrato intenso il quale delizia lo sguardo e deriva dalla qualità degli uvaggi che lo compongono. Al naso il vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale si rivela intenso ed etereo, allo stesso modo assaporandolo quello che si evidenzia è un gusto vellutato con pronunciata rotondità nel tipo Amabile.

La gradazione del Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale risulta circa di 15 gradi invece il corretto tempo di invecchiamento dopo il quale è preferibile consumare il vino risulta di approssimativamente 36 mesi.! Il giusto periodo di maturazione dopo il quale risulta consigliabile consumare il vino risulta di all'incirca 36 mesi mentre la gradazione del Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale risulta all'incirca di 15 gradi.

Il vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale a tavola

Frequentemente il segreto di una pietanza riuscita perfettamente è semplicemente l'abilità di poterla servire con il vino di qualità maggiormente indicato motivo per cui è consigliabile servire il vino Vin Santo Colli dell'Etruria Centrale ad una temperatura di più o meno 13-14 gradi assieme a dessert, pasticceria secca, buon vino da meditazione.

Vino Colline Lucchesi DOC

Il vino Colline Lucchesi: vino rosso proveniente dalla regione Toscana

La regione Toscana ha spesso prodotto, nel corso della sua storia, vini importanti ed il vino Colline Lucchesi DOC risulta essere sicuramente un importante esempio di vino rosso prodotto in queste zone della penisola.

E' con l'uso di uve Sangiovese più Canaiolo, Ciliegiolo, Merlot che prende vita il Colline Lucchesi, viti presenti nelle zone di Lucca, Capannori, Porcari da cui deriva un un vino caratteristico e inconfondibile.

Vino Colline Lucchesi allaspetto ed al palato

La degustazione di un vino pregiato passa attraverso l'analisi sensoriale; è dunque con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le qualit tipiche di un vino di qualit.

Il vino Colline Lucchesi si presenta ai nostri occhi avente colore rosso rubino brillante tendente al granato il quale delizia lo sguardo e deriva dalla selezione dei vitigni utilizzati. Al naso il vino Colline Lucchesi si dimostra gradevole, allo stesso modo al palato ci che si evidenzia è un gusto morbido, vivace se d'annata.

La gradazione del Colline Lucchesi risulta approssimativamente 11 gradi invece il giusto tempo di invecchiamento dopo il quale è consigliabile aprire il vino è di circa 24-36 mesi.! Il giusto tempo di invecchiamento dopo il quale è consigliabile aprire il vino è di all'incirca 24-36 mesi invece la gradazione del Colline Lucchesi risulta all'incirca di 11 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Colline Lucchesi

Risulta consigliabile servire il vino Colline Lucchesi ad una temperatura di servizio di più o meno 16-18 gradi con minestrone, sughi di carne, carni bianche in umido in quanto sovente il segreto di una pietanza riuscita alla perfezione è proprio l'abilit di saperla servire con il vino DOC più adatto.

Vino Cortona Sangiovese DOC

Il vino Cortona Sangiovese: vino rosso di qualità dalla regione Toscana

La regione Toscana ha sempre esportato, nel corso della sua tradizione vinicola, vini rinomati ed il vino Cortona Sangiovese DOC risulta essere senza dubbio un importante esempio di vino rosso prodotto in queste zone della penisola.

Il Cortona Sangiovese nasce attraverso la vendemmia di viti coltivate nei territori di Cortona, Arezzo che danno origine ad un vino unico e inimitabile: le uve Sangiovese.

Colore e sapore del vino Cortona Sangiovese

E'attraverso l'olfatto, il gusto e la vista che emergono tutte quante le qualità tipiche di un vino di qualità; è per questo che la degustazione di un vino DOC contempla l'esame dei 5 sensi.

Il vino Cortona Sangiovese si presenta alla vista con un colore rosso rubino che verte all'aranciato con l'invecchiamento il quale delizia lo sguardo e deriva dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. Assaporandolo ci che si evidenzia è un gusto secco e armonico, mentre all'olfatto il vino Cortona Sangiovese appare vinoso, elegante e intenso.

Con che cosa si abbina il vino Cortona Sangiovese

Spesso il trucco di una portata alla perfezione è proprio la capacità di saperla abbinare con il vino DOC più adatto e quindi risulta consigliabile mettere in tavola il vino Cortona Sangiovese ad una temperatura di servizio di più o meno 16-18 gradi assieme a carni alla brace, bistecca Chianina.

Vino Montecucco DOC

Vino rosso prestigioso dalla regione Toscana: vino Montecucco

Per venire incontro a tutti gli estimatori di vino rosso DOC della regione Toscana nella presente pagina del sito web passiamo ad elencare le caratteristiche principali che contraddistingono il vino Montecucco, storico prodotto della coltura della vite di quei luoghi.

E'attraverso l'uso di uve Sangiovese più altre uve del luogo che nasce il Montecucco, vitigni presenti nei comuni di Cinigiano, Civitella Paganico, Campagnatico, Castel del Piano, Roccalbegna, Arcidosso e Seggiano, Grosseto che danno origine ad un vino unico e inconfondibile.

Vino Montecucco all'olfatto ed al gusto

E'attraverso l'olfatto, il gusto e la vista che emergono tutte quante le caratteristiche organolettiche naturali di un vino di qualità; è per questo che la degustazione di un buon vino contempla l'esame dei sensi.

Deriva dalla qualità dei vitigni che lo compongono il vino Montecucco il colore rosso rubino carico della DOC il quale appaga lo sguardo. Al naso il vino Montecucco appare vinoso e ampio, allo stesso modo assaporandolo quello che si evidenzia è un gusto asciutto, giustamente tannico.

La gradazione del Montecucco è all'incirca di 12 gradi invece il giusto tempo di maturazione passato il quale è preferibile consumare il vino risulta di all'incirca 36-60 mesi.! Il giusto periodo di invecchiamento passato il quale è preferibile consumare il vino è di all'incirca 36-60 mesi invece la gradazione del Montecucco risulta approssimativamente 12 gradi.

Il vino Montecucco a tavola

Risulta consigliabile mettere in tavola il vino Montecucco ad una temperatura di servizio di circa 17-19 gradi assieme a carni rosse, arrosti, selvaggina, piatti saporiti toscani in quanto spesso il trucco di una portata cucinata alla perfezione è proprio l'abilità di poterla servire con il vino pregiato più indicato.

Vino Monteregio di Massa Marittima DOC

Vino rosso pregiato dalla regione Toscana: vino Monteregio di Massa Marittima

Non si può non nominare il vino Monteregio di Massa Marittima, vino rosso di ottima importanza e storicità, nel momento in cui si parla di vini rilevanti realizzati nel territorio della regione Toscana.

Il Monteregio di Massa Marittima prende vita attraverso la vendemmia di viti presenti nei comuni di Grosseto, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Roccastrada, Gavorrano, Castiglione della Pescaia, Scarlino, Follonica che si trasformano in un vino unico e inconfondibile: le uve Sangiovese.

Sensazioni del vino Monteregio di Massa Marittima

E'attraverso vista, olfatto e il gusto che emergono tutte quante le caratteristiche tipiche di un vino importante; infatti la degustazione di un vino DOC si concretizza l'analisi sensoriale.

Il vino Monteregio di Massa Marittima appare alla vista con un colore rosso rubino di buona intensità il quale appaga lo sguardo e consegue dalla selezione dei vitigni utilizzati. In bocca ciò che emerge è un gusto secco, allo stesso modo al naso il vino Monteregio di Massa Marittima si dimostra vinoso e fruttato.

Il vino Monteregio di Massa Marittima a tavola

Frequentemente il segreto di una portata riuscita perfettamente è semplicemente l'abilità di saperla portare in tavola assieme al vino pregiato più adatto motivo per cui risulta preferibile mettere in tavola il vino Monteregio di Massa Marittima ad una temperatura di più o meno 16-18 gradi con cinghiale in agrodolce, carni arrosto, tortelli, pappardelle al sugo.

Vino Montescudaio Merlot DOC

Il vino Montescudaio Merlot: vino rosso di qualità dalla regione Toscana

Quando si parla di vini pregiati realizzati all'interno della regione Toscana è obbligatorio parlare del vino Montescudaio Merlot, vino rosso di ottima importanza e storicità.

Il Montescudaio Merlot nasce attraverso l'uso di vitigni presenti nei territori di Casale Marittimo, Castellina Marittima, Guardistallo, Montecatini Val di Cecina, Montescudaio Riparbella, Santa Luce, Pisa da cui deriva un un vino caratteristico e inimitabile: le uve Merlot.

Vino Montescudaio Merlot: profumo e gusto

E' con vista, olfatto e il gusto che emergono tutte le caratteristiche naturali di un vino importante; è per questo che l'atto di degustare un vino pregiato si concretizza l'esame dei sensi.

Il vino Montescudaio Merlot si presenta ai nostri occhi con un colore rosso rubino con riflessi violacei, sul granata da invecchiato il quale delizia gli occhi stessi e consegue dalla selezione dei vitigni che lo compongono. Assaporandolo quello che si evidenzia risulta essere un gusto pieno, morbido e armonico, contemporaneamente al naso il vino Montescudaio Merlot appare vinoso e gradevole.

Come abbinare a tavola il Vino Montescudaio Merlot

Spesso il trucco di una ricetta cucinata perfettamente è proprio la capacità di poterla servire assieme al vino pregiato maggiormente adatto e quindi risulta preferibile mettere in tavola il vino Montescudaio Merlot ad una temperatura di servizio di circa 16-18 gradi assieme a primi piatti saporiti, carni bianche e rosse, arrosti, selvaggina, grigliate.

Vino Moscadello di Montalcino DOC

Vino bianco proveniente dalla regione Toscana: vino Moscadello di Montalcino

Quando ci si appresta a parlare di vini importanti realizzati all'interno della regione Toscana si è costretti a menzionare il vino Moscadello di Montalcino, vino bianco di grande importanza e storicità.

E' con l'utilzzo di uve Moscato Bianco più eventuali vitigni locali che prende vita il Moscadello di Montalcino, viti allevate nelle zone di Montalcino, Siena da cui deriva un un vino caratteristico e inimitabile.

Colore e sapore del vino Moscadello di Montalcino

E' con che vengono alla luce tutte le caratteristiche tipiche di un vino pregiato; è per questo che l'atto di degustare un vino DOC passa attraverso l'analisi sensoriale.

Deriva dalla selezione dei vitigni che lo compongono il vino Moscadello di Montalcino il colore giallo paglierino della DOC che delizia lo sguardo. All'olfatto il vino Moscadello di Montalcino si rivela fresco, delicato e persistente, contemporaneamente assaporandolo ci che emerge risulta essere un sapore dolce e aromatico.

La gradazione del Moscadello di Montalcino è circa di 15 gradi mentre il corretto periodo di maturazione passato il quale risulta consigliabile aprire il vino risulta di circa 12-24 mesi.! Il corretto periodo di maturazione passato il quale è preferibile consumare il vino risulta di approssimativamente 12-24 mesi mentre la gradazione del Moscadello di Montalcino è all'incirca di 15 gradi.

Il vino Moscadello di Montalcino a tavola

E' consigliabile mettere in tavola il vino Moscadello di Montalcino ad una temperatura di servizio di più o meno 12-14 gradi con panforte senese e dessert in genere poichè Frequentemente il segreto di una portata perfettamente è semplicemente la capacità di poterla servire assieme al vino DOC maggiormente adatto.

Vino Orcia DOC

Il vino Orcia: vino rosso direttamente dalla regione Toscana

La regione Toscana ha sempre esportato, nel corso della propria storia, vini di qualità ed il vino Orcia DOC è senz'altro un fulgido esponente di vino rosso coltivato in questo territorio.

E'attraverso la vendemmia di uve Sangiovese più altre uve non aromatiche che viene realizzato il Orcia, viti allevate nei comuni di Siena, Pienza, Radicofani, Montalcino, Sarteano da cui deriva un un vino caratteristico e inconfondibile.

Vino Orcia: profumo e gusto

E'attraverso che si possono apprezzare tutte quante le qualità naturali di un vino importante; è per questo che l'atto di degustare un vino pregiato si concretizza l'esame dei sensi.

Deriva dalla selezione dei vitigni utilizzati il vino Orcia il colore rosso, granato da invecchiato, rosso cerasuolo tendente al viola vivace da giovane della DOC che delizia lo sguardo. Al naso il vino Orcia si dimostra fruttato e vinoso, mentre in bocca ci che si evidenzia risulta essere un sapore armonico, sapido e fresco.

La gradazione del Orcia risulta circa di 12 gradi mentre il giusto tempo di invecchiamento dopo il quale è preferibile consumare il vino risulta di approssimativamente 36-60 mesi.! Il giusto periodo di maturazione dopo il quale è preferibile aprire il vino risulta di all'incirca 36-60 mesi invece la gradazione del Orcia è approssimativamente 12 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Orcia

Sovente il segreto di una ricetta perfettamente risulta essere proprio l'abilità di saperla servire assieme al vino pregiato più indicato motivo per cui è consigliabile servire il vino Orcia ad una temperatura di servizio di circa 16-18 gradi con piatti saporiti, carni bianche e rosse.

Vino Parrina DOC

Vino rosso proveniente dalla regione Toscana: vino Parrina

Nella presente sezione del sito ci accingiamo ad esporre le proprietà salienti del vino Parrina per venire incontro a tutti gli appassionati di vino rosso DOC proveniente dalla regione Toscana, ottimo prodotto della tradizione vinicola di quei luoghi.

E' con la vendemmia di uve Sangiovese che prende vita il Parrina, vitigni coltivati nei territori di Orbetello, Grosseto da cui deriva un un vino caratteristico e inconfondibile.

Colore e sapore del vino Parrina

L'atto di degustare un vino DOC passa attraverso l'esame dei sensi; è infatti attraverso gusto, vista e l'olfatto che vengono alla luce tutte le qualità tipiche di un vino di qualità.

Consegue dalla qualità degli uvaggi utilizzati il vino Parrina il colore rosso rubino proprio dellla DOC il quale appaga gli occhi. In bocca ci che emerge è un sapore vellutato, rotondo e fresco, mentre all'olfatto il vino Parrina appare delicato e gradevole.

La gradazione del Parrina è approssimativamente 11, 5 gradi mentre il corretto tempo di maturazione passato il quale risulta preferibile aprire il vino è di all'incirca 24-48 mesi.! Il giusto tempo di invecchiamento passato il quale è preferibile aprire il vino risulta di all'incirca 24-48 mesi mentre la gradazione del Parrina risulta all'incirca di 11, 5 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Parrina

E' preferibile mettere in tavola il vino Parrina ad una temperatura di più o meno 18 gradi assieme a salumi, formaggi, carni grigliate e arrosto poichè sovente il trucco di una pietanza cucinata perfettamente è proprio la capacità di poterla servire assieme al vino pregiato più indicato.

Vino Pietraviva DOC

Vino rosso prestigioso dalla regione Toscana: vino Pietraviva

Si è costretti a menzionare il vino Pietraviva, vino rosso di ottima fattura e storicità, nel momento in cui ci si appresta a trattare di vini importanti realizzati nel territorio della regione Toscana.

Il Pietraviva viene realizzato attraverso l'uso di viti allevate nei territori di Bucine, Cavriglia, Civitella Valdichiana, Montevarchi, Pergine Valdarno, Arezzo che danno origine ad un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot.

Vino Pietraviva: caratteristiche organolettiche

La degustazione di un vino pregiato contempla l'esame dei sensi; è quindi attraverso gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le caratteristiche naturali di un vino pregiato.

Deriva dalla selezione dei vitigni che lo compongono il vino Pietraviva il colore dal rosso rubino al rosso granato proprio dellla DOC che delizia la vista. Al naso il vino Pietraviva appare vinoso, mentre in bocca quello che emerge risulta essere un gusto pieno e armonico.

Come abbinare a tavola il Vino Pietraviva

Spesso il trucco di una ricetta cucinata alla perfezione è semplicemente l'abilità di saperla abbinare con il vino di qualità maggiormente adatto e quindi risulta consigliabile mettere in tavola il vino Pietraviva ad una temperatura di servizio di circa 16-18 gradi assieme a tutto il pasto, primi piatti saporiti, carni rosse e arrosti, cucina tipica toscana.

Vino Pomino DOC

Vino rosso direttamente dalla regione Toscana: vino Pomino

Nella presente sezione del sito web passiamo ad elencare le proprietà salienti che contraddistingono il vino Pomino per accontentare coloro che sono estimatori di vino rosso DOC della regione Toscana, ottimo prodotto della coltura della vite di quei luoghi.

Il Pomino nasce attraverso la vendemmia di vitigni presenti nei territori di Rufina, Firenze che danno origine ad un vino caratteristico e inimitabile: le uve Sangiovese, Pinot nero o Merlot.

Vino Pomino: caratteristiche organolettiche

E'attraverso che vengono alla luce tutte le caratteristiche organolettiche tipiche di un vino di quali

tà; infatti l'atto di degustare un buon vino si concretizza l'esame dei 5 sensi.

Il vino Pomino appare alla vista avente colore rosso rubino brillante con sfumature granata più o meno intense che appaga lo sguardo e consegue dalla selezione dei vitigni utilizzati. Assaporandolo ci che si evidenzia risulta essere un sapore asciutto e robusto, leggermente tannico, vellutato con note di confettura da invecchiato, contemporaneamente al naso il vino Pomino appare vinoso e intenso.

Con che cosa si abbina il vino Pomino

Risulta preferibile mettere in tavola il vino Pomino ad una temperatura di più o meno 18-20 gradi assieme a primi piatti toscani saporiti, formaggi mediamente maturi, carni rosse e arrosti in quanto Frequentemente il trucco di una ricetta cucinata perfettamente risulta essere semplicemente l'abilità di poterla servire con il vino pregiato maggiormente indicato.

Vino Rosso di Montalcino DOC

Il vino Rosso di Montalcino: vino rosso di qualità dalla regione Toscana

In questa sezione del sito internet andiamo ad esporre le caratteristiche salienti del vino Rosso di Montalcino per tutti gli appassionati di vino rosso DOC proveniente dalla regione Toscana, storico derivato della tradizione vinicola locale.

E' tramite la vendemmia di uve Sangiovese Grosso (Brunello) in purezza che prende vita il Rosso di Montalcino, vitigni allevati nei territori di Montalcino, Siena che si trasformano in un vino unico e inimitabile.

Vino Rosso di Montalcino all'olfatto ed al gusto

E'attraverso l'olfatto, il gusto e la vista che vengono alla luce tutte quante le proprietà tipiche di un vino importante; infatti la degustazione di un vino DOC passa attraverso l'esame dei sensi.

Il vino Rosso di Montalcino si presenta alla vista avente colore rosso rubino carico che delizia lo sguardo e consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. Al palato ci che emerge risulta essere un gusto caldo, asciutto, un po' tannico, allo stesso modo all'olfatto il vino Rosso di Montalcino si dimostra intenso.

La gradazione del Rosso di Montalcino risulta all'incirca di 12 gradi mentre il giusto periodo di maturazione passato il quale risulta consigliabile aprire il vino risulta di approssimativamente 12-36 mesi.! Il giusto tempo di invecchiamento dopo il quale risulta preferibile aprire il vino risulta di approssimativamente 12-36 mesi invece la gradazione del Rosso di Montalcino risulta circa di 12 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Rosso di Montalcino

Sovente il trucco di una pietanza perfettamente risulta essere proprio la capacità di saperla servire assieme al vino DOC maggiormente indicato e quindi è preferibile mettere in tavola il vino Rosso di Montalcino ad una temperatura di più o meno 18-20 gradi assieme a ribollita, sughi di carne, carne di maiale, paste pasticciate.

Vino Rosso di Montepulciano DOC

Vino rosso di qualità dalla regione Toscana: vino Rosso di Montepulciano

Quando ci si appresta a parlare di vini pregiati prodotti all'interno della regione Toscana non si può non menzionare il vino Rosso di Montepulciano, vino rosso di grande fattura e tradizione.

E'attraverso l'uso di uve Sangiovese (Prugnolo Gentile) più eventuale aggiunta di Canaiolo Nero che viene realizzato il Rosso di Montepulciano, viti coltivate nei comuni di Montepulciano, Siena che danno origine ad un vino caratteristico e inimitabile.

Vino Rosso di Montepulciano allaspetto ed al palato

La degustazione di un vino DOC passa attraverso l'esame dei 5 sensi; è quindi attraverso gusto, vista e l'olfatto che si possono apprezzare tutte le proprietà tipiche di un vino pregiato.

Consegue dalla qualità degli uvaggi utilizzati il vino Rosso di Montepulciano il colore rubino della DOC che delizia la vista. All'olfatto il vino Rosso di Montepulciano appare intenso e vinoso, mentre assaporandolo quello che emerge è un gusto lievemente tannico, persistente.

Con che cosa si abbina il vino Rosso di Montepulciano

Frequentemente il segreto di una pietanza cucinata perfettamente è proprio la capacità di saperla servire con il vino DOC più adatto e quindi risulta preferibile mettere in tavola il vino Rosso di Montepulciano ad una temperatura di più o meno 16-18 gradi assieme a salumi, primi con sughi di carne, carni arrosto tradizionali.

Vino San Gimignano DOC

Vino rosso pregiato dalla regione Toscana: vino San Gimignano

Si è costretti a nominare il vino San Gimignano, vino rosso di ottima fattura e storicità, nel momento in cui si parla di vini rilevanti realizzati nel territorio della regione Toscana.

E' tramite l'utilzzo di uve Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah, Pinot Nero che viene realizzato il San Gimignano, vitigni allevati nelle zone di San Gimignano, Siena da cui deriva un un vino caratteristico e inconfondibile.

Vino San Gimignano allaspetto ed al palato

E' con gusto, vista e l'olfatto che vengono alla luce tutte quante le qualità tipiche di un vino pregiato; è per questo che l'atto di degustare un vino pregiato si concretizza l'analisi sensoriale.

Il vino San Gimignano si presenta ai nostri occhi con un colore rosso rubino intenso con note violacee che delizia lo sguardo e consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. In bocca quello che emerge è un gusto armonico, giustamente tannico, di giusto corpo, allo stesso modo al naso il vino San Gimignano appare vinoso e delicato.

Come abbinare a tavola il Vino San Gimignano

Risulta preferibile mettere in tavola il vino San Gimignano ad una temperatura di circa 18-20 gradi con arista di maiale, zuppa di lenticchie, bistecca alla fiorentina poichè sovente il segreto di una portata cucinata perfettamente risulta essere proprio l'abilità di saperla portare in tavola assieme al vino pregiato più adatto.

Vino Sant'Antimo Chardonnay DOC

Il vino Sant'Antimo Chardonnay: vino bianco di qualità dalla regione Toscana

Non si può non nominare il vino Sant'Antimo Chardonnay, vino bianco di ottima importanza e tradizione, quando ci si appresta a parlare di vini rilevanti coltivati all'interno della regione Toscana.

E' tramite l'utilzzo di uve Chardonnay che prende vita il Sant'Antimo Chardonnay, viti presenti nei comuni di Sant'Antimo, Montalcino, Siena che danno origine ad un vino caratteristico e inconfondibile.

Vino Sant'Antimo Chardonnay allolfatto ed al gusto

E'attraverso gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte quante le caratteristiche naturali di un vino pregiato; infatti la degustazione di un vino pregiato passa attraverso l'esame dei sensi.

Il vino Sant'Antimo Chardonnay appare ai nostri occhi con un colore giallo paglierino il quale delizia gli occhi stessi e deriva dalla qualità degli uvaggi che lo compongono. All'olfatto il vino Sant'Antimo Chardonnay si rivela delicato e intenso, contemporaneamente al palato quello che emerge risulta essere un gusto armonico e pieno.

Il vino Sant'Antimo Chardonnay a tavola

Sovente il trucco di una ricetta riuscita perfettamente è proprio l'abilità di poterla portare in tavola con il vino pregiato maggiormente adatto e quindi è preferibile mettere in tavola il vino Sant'Antimo Chardonnay ad una temperatura di servizio di più o meno 10-12 gradi con pesci alla griglia o al forno, primi a base di pesce, antipasti di mare.

Vino Sovana Merlot DOC

Vino rosso pregiato dalla regione Toscana: vino Sovana Merlot

La regione Toscana ha spesso sfornato, nel corso della propria storia, vini pregiati ed il vino Sovana Merlot DOC risulta essere senza dubbio un fulgido esponente di vino rosso coltivato in queste zone della penisola.

Il Sovana Merlot viene realizzato con l'uso di viti coltivate nei comuni di Sorano, Pitigliano, Manciano, Grosseto che si trasformano in un vino unico e inimitabile: le uve Merlot.

Colore e sapore del vino Sovana Merlot

E' con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le propriet naturali di un vino di qualit; infatti l'atto di degustare un vino DOC contempla l'esame dei 5 sensi.

Consegue dalla qualit degli uvaggi che lo compongono il vino Sovana Merlot il colore rosso rubino con note violacee e granate con l'et della DOC che delizia gli occhi. Al naso il vino Sovana Merlot si rivela erbaceo con note di frutta, mentre assaporandolo ci che si evidenzia risulta essere un gusto vellutato e ampio.

Con che cosa si abbina il vino Sovana Merlot

Spesso il trucco di una ricetta riuscita perfettamente è proprio l'abilit di saperla abbinare con il vino DOC maggiormente adatto motivo per cui risulta consigliabile servire il vino Sovana Merlot ad una temperatura di servizio di circa 18-20 gradi con cacciagione, formaggi maturi.

Vino Terratico di Bibbona DOC

Il vino Terratico di Bibbona: vino rosso proveniente dalla regione Toscana

Si è costretti a nominare il vino Terratico di Bibbona, vino rosso di ottima fattura e storicità, quando ci si appresta a trattare di vini rilevanti realizzati nel territorio della regione Toscana.

Il Terratico di Bibbona prende vita tramite l'utilzzo di viti coltivate nei territori di Rosignano Marittimo, Cecina, Bibbona, Collesalvetti, Livorno che si trasformano in un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Sangiovese e Merlot.

Colore e sapore del vino Terratico di Bibbona

La degustazione di un vino DOC si concretizza l'esame dei sensi; è dunque attraverso vista, olfatto e il gusto che vengono alla luce tutte quante le proprietà naturali di un vino di qualità.

Il vino Terratico di Bibbona si presenta alla vista avente colore rosso rubino il quale appaga gli occhi stessi e deriva dalla qualità dei vitigni utilizzati. All'olfatto il vino Terratico di Bibbona appare intensamente vinoso, mentre in bocca quello che emerge risulta essere un gusto pieno e armonico.

La gradazione del Terratico di Bibbona risulta approssimativamente 12, 5 gradi invece il giusto periodo di invecchiamento passato il quale è preferibile aprire il vino risulta di all'incirca 24-36 mesi.! Il giusto tempo di invecchiamento passato il quale risulta consigliabile consumare il vino risulta di approssimativamente 24-36 mesi mentre la gradazione del Terratico di Bibbona è approssimativamente 12, 5 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Terratico di Bibbona

Risulta consigliabile servire il vino Terratico di Bibbona ad una temperatura di servizio di più o meno 17-18 gradi con primi piatti toscani, salumi e formaggi mediamente stagionati poichè Frequentemente il trucco di una ricetta alla perfezione risulta essere semplicemente l'abilità di poterla abbinare assieme al vino di qualità più adatto.

Vino Terre di Casole Passito DOC

Il vino Terre di Casole Passito: vino bianco pregiato dalla regione Toscana

La regione Toscana ha sempre prodotto, durante la propria storia, vini rinomati ed il vino Terre di Casole Passito DOC è senza dubbio un importante esponente di vino bianco proveniente da questo territorio.

E' con la vendemmia di uve Chardonnay più altre uve selezionate e fatte appassire che prende vita il Terre di Casole Passito, vitigni coltivati nei comuni di Casole d'Elsa, Siena che si trasformano in un vino caratteristico e inconfondibile.

Caratteristiche organolettiche del vino Terre di Casole Passito

La degustazione di un vino pregiato si concretizza l'esame dei 5 sensi; è quindi con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le caratteristiche tipiche di un vino di qualit.

Deriva dalla qualit dei vitigni che lo compongono il vino Terre di Casole Passito il colore da giallo dorato all'ambrato intenso proprio dellla DOC che delizia lo sguardo. Al naso il vino Terre di Casole Passito si dimostra intenso, ricco e complesso, di frutta matura, mentre in bocca ci che emerge è un sapore ampio e rotondo.

La gradazione del Terre di Casole Passito è approssimativamente 15 gradi mentre il giusto periodo di invecchiamento dopo il quale risulta consigliabile aprire il vino è di approssimativamente 12 mesi.! Il giusto tempo di invecchiamento dopo il quale è preferibile aprire il vino è di approssimativamente 12 mesi mentre la gradazione del Terre di Casole Passito è all'incirca di 15 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Terre di Casole Passito

E' preferibile mettere in tavola il vino Terre di Casole Passito ad una temperatura di più o meno 13-14 gradi assieme a fine pasto, ottimo con pasticceria secca poichè sovente il segreto di una pietanza alla perfezione è proprio la capacit di poterla abbinare assieme al vino pregiato maggiormente indicato.

Vino Val d'Arbia DOC

Il vino Val d'Arbia: vino bianco prestigioso dalla regione Toscana

Non si può non parlare del vino Val d'Arbia, vino bianco di grande fattura e tradizione, quando ci si appresta a trattare di vini prestigiosi realizzati nel territorio della regione Toscana.

Il Val d'Arbia viene realizzato tramite l'uso di vitigni allevati nei comuni di Siena, Castellina del Chianti, Radda in Chianti, Monteriggioni, Murlo, Buonconvento che danno origine ad un vino caratteristico e inimitabile: le uve Trebbiano Toscano, Malvasia del Chianti e Chardonnay.

Vino Val d'Arbia: caratteristiche organolettiche

L'atto di degustare un buon vino contempla l'esame dei sensi; è quindi con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le caratteristiche naturali di un vino importante.

Il vino Val d'Arbia appare alla vista con un colore giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli che delizia gli occhi stessi e consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. Al palato quello che emerge risulta essere un sapore asciutto, fresco e armonico, contemporaneamente al naso il vino Val d'Arbia si dimostra delicato, fine e fruttato, intensamente etereo.

Il vino Val d'Arbia a tavola

Frequentemente il segreto di una ricetta alla perfezione risulta essere proprio la capacità di poterla portare in tavola assieme al vino di qualità maggiormente adatto motivo per cui risulta preferibile servire il vino Val d'Arbia ad una temperatura di servizio di circa 9-12 gradi con minestre di verdure, pesce fritto, alici gratinate, dessert.

Vino Val di Cornia DOC

Vino rosso direttamente dalla regione Toscana: vino Val di Cornia

La regione Toscana ha spesso prodotto, nel corso della sua storia, vini importanti ed il vino Val di Cornia DOC è senz'altro un importante esponente di vino rosso prodotto in queste zone della penisola.

Il Val di Cornia prende vita tramite l'utilzzo di viti allevate nei comuni di Suvereto, Sassetta, San Vincenzo, Piombino, Campiglia Marittima, Livorno, Monteverdi Marittimo da cui deriva un un vino unico e inconfondibile: le uve Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot.

Vino Val di Cornia: profumo e gusto

E' con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le propriet naturali di un vino di qualit; infatti l'atto di degustare un buon vino si concretizza l'analisi sensoriale.

Il vino Val di Cornia si presenta alla vista con un colore rosso rubino di buona intensit il quale appaga lo sguardo e deriva dalla selezione dei vitigni che lo compongono. All'olfatto il vino Val di Cornia si rivela vinoso, delicato, allo stesso modo in bocca quello che si evidenzia risulta essere un gusto di buon corpo, vellutato, armonico.

La gradazione del Val di Cornia risulta circa di 12 gradi invece il giusto tempo di maturazione dopo il quale è preferibile aprire il vino è di circa 36-70 mesi.! Il giusto periodo di invecchiamento dopo il quale risulta consigliabile consumare il vino è di circa 36-70 mesi invece la gradazione del Val di Cornia è approssimativamente 12 gradi.

Con che cosa si abbina il vino Val di Cornia

Sovente il trucco di una portata cucinata alla perfezione risulta essere proprio la capacit di poterla portare in tavola con il vino pregiato maggiormente indicato e quindi è preferibile servire il vino Val di Cornia ad una temperatura di servizio di circa 16-18 gradi assieme a carni rosse e bianche arrosto, cacciagione, selvaggina.

Vino Valdichiana DOC

Il vino Valdichiana: vino bianco di qualità dalla regione Toscana

La regione Toscana ha sempre esportato, durante la propria tradizione vinicola, vini importanti ed il vino Valdichiana DOC è senz'altro un importante esempio di vino bianco prodotto in queste zone della penisola.

E' con l'uso di uve Trebbiano Toscano, Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Grechetto che nasce il Valdichiana, vitigni presenti nei territori di Arezzo, Cortona, Monte San Savino, Lucignano, Chiusi, Montepulciano, Torrita di Siena che danno origine ad un vino caratteristico e inconfondibile.

Vino Valdichiana allolfatto ed al gusto

La degustazione di un vino pregiato si concretizza l'esame dei 5 sensi; è quindi con vista, olfatto e il gusto che si possono apprezzare tutte quante le proprietà tipiche di un vino importante.

Consegue dalla qualità degli uvaggi che lo compongono il vino Valdichiana il colore giallo paglierino anche con riflessi verdolini della DOC che appaga lo sguardo. Al naso il vino Valdichiana si rivela sottile, neutro, delicatamente fruttato, contemporaneamente assaporandolo ci che si evidenzia è un sapore asciutto, anche con lieve retrogusto di mandorla amara.

La gradazione del Valdichiana è all'incirca di 10 gradi mentre il corretto periodo di invecchiamento dopo il quale è preferibile consumare il vino risulta di circa 3-12 mesi.! Il giusto tempo di invecchiamento passato il quale è consigliabile consumare il vino è di circa 3-12 mesi mentre la gradazione del Valdichiana è approssimativamente 10 gradi.

Il vino Valdichiana a tavola

Risulta consigliabile mettere in tavola il vino Valdichiana ad una temperatura di più o meno 9-12 gradi con antipasti delicati, piatti a base di pesce, minestre leggere poichè sovente il segreto di una portata riuscita perfettamente è proprio la capacità di poterla servire con il vino di qualità più adatto.

Vino Vin Santo del Chianti DOC

Il vino Vin Santo del Chianti: vino bianco pregiato dalla regione Toscana

Per accontentare tutti gli estimatori di vino bianco DOC della regione Toscana in questa pagina del sito internet andiamo ad esplicitare le caratteristiche salienti che contraddistingono il vino Vin Santo del Chianti, storico derivato della coltura della vite di quei luoghi.

E' tramite l'utilzzo di uve Trebbiano Toscano e Malvasia sottoposte ad appassimento e ammostate che nasce il Vin Santo del Chianti, viti allevate nei territori di Arezzo, Firenze, Pisa, Pistoia, Prato, Siena che danno origine ad un vino unico e inimitabile.

Vino Vin Santo del Chianti: caratteristiche organolettiche

E' con vista, olfatto e il gusto che vengono alla luce tutte quante le caratteristiche tipiche di un vino importante; è per questo che l'atto di degustare un vino DOC passa attraverso l'esame dei sensi.

Il vino Vin Santo del Chianti appare alla vista con un colore dal giallo paglierino fino al dorato e all'ambrato intenso che appaga lo sguardo e consegue dalla selezione dei vitigni utilizzati. Al palato ci che emerge risulta essere un sapore vellutato e secco con più pronunciata rotondit se Abboccato, contemporaneamente al naso il vino Vin Santo del Chianti appare etereo e intenso.

Con che cosa si abbina il vino Vin Santo del Chianti

E' consigliabile servire il vino Vin Santo del Chianti ad una temperatura di servizio di circa 13-15 gradi con cantucci alle mandorle, panforte, pasticceria secca poichè Frequentemente il trucco di una ricetta cucinata perfettamente è semplicemente la capacit di poterla servire con il vino DOC più adatto.

Vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice DOC

Il vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice: vino bianco prestigioso dalla regione Toscana

Per coloro che sono amanti di vino bianco DOC della regione Toscana nella presente pagina del sito ci accingiamo ad elencare le proprietà salienti che contraddistingono il vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice, storico derivato della tradizione vinicola di quei luoghi.

E' tramite l'utilzzo di uve Sangiovese (Prugnolo Gentile) che prende vita il Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice, viti coltivate nelle zone di Montepulciano da cui deriva un un vino unico e inconfondibile.

Sensazioni del vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice

E' con vista, olfatto e il gusto che emergono tutte quante le caratteristiche naturali di un vino pregiato; è per questo che la degustazione di un buon vino si concretizza l'analisi sensoriale.

Il vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice si presenta ai nostri occhi avente colore tra l'ambrato ed il topazio con ampia unghia rossiccia che si fa marrone con l'età il quale appaga gli occhi stessi e deriva dalla qualità dei vitigni utilizzati. Al palato ci che emerge è un sapore fine e persistente con retrogusto dolce, mentre al naso il vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice si rivela complesso e ricco, di frutta matura.

La gradazione del Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice è circa di 18 gradi invece il giusto periodo di maturazione passato il quale risulta consigliabile consumare il vino risulta di all'incirca 96 mesi.! Il giusto tempo di maturazione dopo il quale è consigliabile aprire il vino è di circa 96 mesi mentre la gradazione del Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice risulta approssimativamente 18 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice

Spesso il segreto di una portata cucinata perfettamente è semplicemente l'abilità di saperla abbinare assieme al vino di qualità maggiormente adatto motivo per cui risulta preferibile mettere in tavola il vino Vin Santo di Montepulciano Occhio di Pernice ad una temperatura di servizio di circa 15-17 gradi con dolci al cioccolato, castagnaccio, cantucci.