VINI DELLA SICILIA

Vini Sicilia

I vini della Sicilia: vini siciliani DOC, DOCG e IGT

I vini in Sicilia godono del clima ideale per la coltivazione della vite in particolar modo nelle zone costiere ed in alcune zone interne .

I vini per la Sicilia sono una risorsa molto importante all'interno di un panorama agricolo che contempla un ruolo di primo piano anche per gli agrumi e le olive. I vini in Sicilia arrivano ogni anno ad una qunatità prodotta che si aggira approssimativamente attorno ai novemila ettolitri. Questo testimonia come l'isola maggiore del Mediterraneo contenga anche una selezione di vini tra le maggiori del panorama europeo.

Le tipologie di vini in Sicilia

Fra i vini siciliani sono annoverate varie tipologie. Si passa da vini non molto alcolici, facili a bersi e leggeri come i vini coltivati nei dintorni dell'Etna a vini da pasto tipici delle zone di Trapani e Palermo. Di primo piano sono le tipologie di vino dolce o da dessert quali il Moscato di Pantelleria o il Marsala. Quest'ultimo è sicuramente un vino da dolce tra i più famosi al mondo. Sono presenti anche vini robusti e di eleveata corposità come il Nero d'Avola che non ha certamente bisogno di presentazioni.

I vini in Sicilia: i vitigni

I vitigni più prestigiosi che danno luogo ai vini della Sicilia sono soprattutto le uve locali. Come già sottolineato il Nero d'Avola è riuscito a raggiungere una visibilità a livello mondiale tra i vini rossi. Alle uve autocnone si sono aggiunti nei secoli vitigni di importazione quali il Cabernet sauvignon ed il Chardonnay. Questa unione ha rinnovato il panorama dei vini siciliani aggiungendo vini estremamente particolari ed apprezzabili.

La coltivazione dei vini siciliani

La coltivazione dei vini in Sicilia hanno subito recentemente una rivoluzione delle tecniche produttive che ha portato un notevole miglioramento sia sulle rese per ettaro sia sull'apprezzamento dei vini stessi nel mercato internazionale.

Marsala DOC

Vino bianco pregiato dalla regione Sicilia: vino Marsala

Uno dei vini maggiormente pregiati provenienti dal Sicilia risulta essere il vino Marsala DOC e si coltiva sin dal tempo dei Romani.

Il vino Marsala è un vino bianco e le uve utilizzate per la sua creazione sono Grillo, Cataratto, Ansonica (Inzolia), Damaschino.

Vino Marsala all’aspetto ed al palato

Un vino di qualità ha la capacità di soddisfare, attraverso le proprie proprietà organolettiche, il palato e l’olfatto di chi lo consuma ed in questa capacità il vino Marsala appare eccellere senza difficoltà.

In bocca il gusto del vino Marsala è strutturato e molto elegante mentre il colore si presenta giallo oro carico con riflessi d'ambra. Ma dire che il piacere di assaggiarlo comincia già dal il primo momento della degustazione quando il suo fantastico profumo ricco con note di zagara, ginestra e mandorla soddisferà il naso.

Vino Marsala: produzione e gradazione

Il Marsala è un vino avente una gradazione di 17 gradi circa ed il periodo di invecchiamento dopo il quale risulta ottimale la sua degustazione è di 10-20 anni. Ogni stagione vengono prodotti circa 150000 ettolitri di vino Marsala i quali corrispondono a circa 20000000 bottiglie.

Nel caso in cui vogliate trovare il reale vino Marsala DOC potete andare nelle zone di Marsala.

Il vino Marsala a tavola

Saper abbinare ai piatti più saporiti un buon vino è una tra quelle cose che valorizzano la tua cena. Il vino Marsala è ideale in special modo ad abbinarsi con aperitivi, biscotti secchi, formaggi piccanti.

Alcamo

Il vino Alcamo: vino bianco direttamente dalla regione Sicilia

Il vino Alcamo risulta essere uno fra i vini maggiormente tipici del territorio del Sicilia e il vitigno viene coltivato a partire dal tempo antico.

Il vino Alcamo è un vino bianco e viene creato da uve ricercati quali Cataratto (80%), Damaschino, Trebbiano e Grecanico (20%).

Vino Alcamo: caratteristiche organolettiche

Passiamo di seguito ad elencare le sensazioni organolettiche le quali contraddistinguono il vino Alcamo e le quali gli garantiscono di essere individuato come uno fra i vini d’Italia maggiormente conosciuti.

Osservandolo il vino Alcamo appare di un colore giallo paglierino chiaro a riflessi verdognoli mentre il profumo appare fresco e vivace con aromi di felce, salvia e leggero fumo. Ma è il sapore quello che distingue un vino pregiato dai vini comuni. In bocca il vino Alcamo risulta caratteristico, sapido e asciutto con retrogusto fruttato.

La produzione del Alcamo

L' Alcamo è un vino con una gradazione di 11, 5 gradi circa mentre il periodo di maturazione durante il quale è consigliata la sua consumazione è di 2 anni. Ogni stagione vengono raccolti all’incirca 20000 hl di vino Alcamo che corrispondono a più o meno 2700000 bottiglie.

Se volete provare il reale vino Alcamo non dovete fare altro che recarvi nelle zone di Castellammare del Golfo, San Vito lo Capo, Alcamo, Segesta, Calatafimi.

Con che cosa si abbina il vino Alcamo

Saper associare ai cibi più ricercati un vino adatto è una di quelle peculiarità che valorizzano la tua tavola. Il vino Alcamo risulta adatto in special modo ad accompagnare cucina marinara, piatti vegetali, minestre asciutte.

Malvasia delle Lipari DOC

Vino bianco prestigioso dalla regione Sicilia: vino Malvasia delle Lipari

Il vino Malvasia delle Lipari DOC risulta essere uno dei vini più caratteristici del territorio del Sicilia e il vitigno viene coltivato a partire dal sesto secolo a.c..

Il vino Malvasia delle Lipari è un vino bianco e risulta essere composto da vitigni esclusivi quali Malvasia di Lipari (95%), Corinto (5%).

Colore e sapore del vino Malvasia delle Lipari

Andiamo adesso ad esaminare le caratteristiche organolettiche che contraddistinguono il vino Malvasia delle Lipari e le quali gli garantiscono di essere considerato come uno dei vini italiani più tipici.

In bocca il sapore del vino Malvasia delle Lipari è pieno e dolce con retrogusto di miele e note floreali ed alla vista si presenta giallo ambrato o dorato. Bisogna dire che il piacere di assaggiarlo inizia durante il primo momento della degustazione quando il suo fantastico profumo avvolgente ed intenso con sentori di ligustro e ginestra soddisferà il vostro naso.

Dove si produce il Malvasia delle Lipari DOC

Il Malvasia delle Lipari risulta essere un vino avente una percentuale alcolica di 11, 5 gradi approssimativamente mentre il periodo di invecchiamento dopo il quale risulta consigliata la sua degustazione è di 10 anni. Ogni vendemmia sono raccolti circa 350 hl di vino Malvasia delle Lipari i quali corrispondono a più o meno 50000 bottiglie.

I territori d’Italia nei quali la coltivazione del Malvasia delle Lipari risulta essere maggiormente presente sono le zone di Salina, Stromboli.

Con che cosa si abbina il vino Malvasia delle Lipari

L’abilità di associare ai piatti più ricercati un vino di qualità appare una tra le cose capaci di valorizzare la tua cena. Il vino Malvasia delle Lipari risulta ideale in special modo ad accompagnare dolci secchi, gelati.

Nero d'Avola DOC

Il vino Nero d'Avola: vino rosso proveniente dalla regione Sicilia

Il vino Nero d'Avola DOC risulta essere uno dei vini maggiormente caratteristici provenienti dal Sicilia e l’inizio della sua coltivazione è datato quinto secolo a.c..

Il vino Nero d'Avola è un vino rosso e viene composto da vitigni esclusivi come Nero d'Avola.

Colore e sapore del vino Nero d'Avola

Andiamo di seguito ad esplicitare le caratteristiche olfattive e gustative le quali caratterizzano il vino Nero d'Avola e che gli consentono di essere considerato come uno dei vini italiani più esclusivi.

Al palato il gusto del vino Nero d'Avola è pieno e corposo, vellutato e tannico ed il colore appare rosso rubino intenso. Bisogna segnalare che il piacere di assaporarlo inizia durante la prima fase della degustazione quando il suo inebriante profumo caratteristico, ampio, ricco di personalità con note di erbe aromatiche soddisferà l’olfatto.

Vino Nero d'Avola: produzione e gradazione

Il Nero d'Avola è un vino con una gradazione di 14 gradi circa ed il tempo di invecchiamento in cui è consigliata la sua degustazione è di 10 anni.

I territori dell’Italia nei quali la produzione del Nero d'Avola risulta essere più presente sono le zone di Contea di Sciafani, Eloro, Marsala, Menfi, Morreale, Riesi, Sambuca, Santa Margherita di Belice, Sciacca.

Con che cosa si abbina il vino Nero d'Avola

Saper associare ai cibi più prelibati un buon vino appare una tra quelle peculiarità che valorizzano la tua tavola. Il vino Nero d'Avola è adatto in particolar modo ad accompagnare grandi arrosti, selvaggina con salse, brasati, formaggi maturi.

Cerasuolo di Vittoria DOCG

Vino rosso pregiato dalla regione Sicilia: vino Cerasuolo di Vittoria

Il vino Cerasuolo di Vittoria DOCG vede cominciare la propria coltivazione nel territorio italiano durante il decimo secolo attraverso l’uso di uve Frappato (40%), Calabrese (50%), Nerello (10%), Nerello Mascalese, Grosso Nero.

Da quel tempo il vino Cerasuolo di Vittoria risulta essere un vino rosso fra i maggiormente tipici della regione Sicilia all’interno della quale vi sono i maggiori vigneti di produzione.

Caratteristiche organolettiche del vino Cerasuolo di Vittoria

Un vino DOC ha l’obbligo di soddisfare, tramite le proprie caratteristiche organolettiche, tutti i sensi della persona che lo consuma ed in questa capacità il vino Cerasuolo di Vittoria appare riuscire assolutamente.

Degustandolo il sapore del vino Cerasuolo di Vittoria è strutturato e persistente, pieno e armonico mentre alla vista appare rosso ciliegia. Bisogna segnalare che la bellezza di assaporarlo comincia già dal il primo momento della degustazione quando il suo fantastico profumo etereo con sentori di marasca e melograno soddisferà il vostro naso.

Vino Cerasuolo di Vittoria DOCG: invecchiamento e gradazione

Il Cerasuolo di Vittoria è un vino con una percentuale alcolica di 13 gradi circa ed il periodo di maturazione dopo il quale è ideale la sua consumazione è di 2-3 anni. Ogni stagione sono prodotti circa 3000 ettolitri di vino Cerasuolo di Vittoria che corrispondono a circa 400000 bottiglie.

Nel caso in cui desideriate trovare il vero vino Cerasuolo di Vittoria DOCG non dovete fare altro che andare nei territori di Vittoria, Ragusa, Chiaramonte Gulfi, Acate.

Come abbinare a tavola il Vino Cerasuolo di Vittoria

L’abilità di abbinare ai cibi più prelibati un vino di qualità appare una delle cose capaci di valorizzare la tua tavola. Il vino Cerasuolo di Vittoria risulta adatto in particolar modo ad accompagnare arrosti di carni bianche, brasati, umidi di carne, piatti piccanti, selvaggina di piuma, formaggi stagionati.

Moscato di Pantelleria

Vino bianco di qualità dalla regione Sicilia: vino Moscato di Pantelleria

Uno fra i vini maggiormente caratteristici della regione Sicilia risulta essere il vino Moscato di Pantelleria e viene coltivato a partire dal tempo degli Arabi.

Il vino Moscato di Pantelleria è un vino bianco e i vitigni utilizzati per la sua creazione risultano essere Zibibbo.

Sensazioni del vino Moscato di Pantelleria

Andiamo di seguito ad esaminare le sensazioni olfattive e gustative le quali contraddistinguono il vino Moscato di Pantelleria e le quali gli consentono di essere individuato quale uno tra i vini d’Italia più esclusivi.

Osservandolo il vino Moscato di Pantelleria appare di un colore giallo dorato e ambrato mentre all’olfatto appare fragrante e intenso come l'uva stessa. E’ però il il gusto quello che separa un vino di qualità dai vini di tutti i giorni. In bocca il vino Moscato di Pantelleria si rivela morbido e dolce, lungo nel gusto e al palato.

Gradi del Moscato di Pantelleria e invecchiamento

Il Moscato di Pantelleria è un vino con una percentuale alcolica di 12, 5 (14, 5 il Passito) gradi approssimativamente ed il tempo di invecchiamento in cui è ottimale la sua consumazione è di 10 anni. Ogni stagione vengono raccolti circa 6000 ettolitri di vino Moscato di Pantelleria i quali danno luogo a circa 800000 bottiglie.

Nel caso in cui desideriate trovare il reale vino Moscato di Pantelleria potete recarvi nelle zone di Pantelleria.

Con che cosa si abbina il vino Moscato di Pantelleria

La capacità di associare ai piatti più ricercati un buon vino appare una tra le cose che valorizzano la tua cena. Il vino Moscato di Pantelleria risulta ideale soprattutto ad abbinarsi con dessert, pasticceria secca.

Vino Contea di Sclafani Grillo DOC

Vino bianco pregiato dalla regione Sicilia: vino Contea di Sclafani Grillo

Quando ci si appresta a parlare di vini pregiati coltivati all'interno della regione Sicilia è obbligatorio nominare il vino Contea di Sclafani Grillo, vino bianco di grande importanza e storicità.

Il Contea di Sclafani Grillo prende vita attraverso la vendemmia di viti coltivate nelle zone di Palermo, Sclafani, Bagni, Valledolmo, Vallelunga Pratameno, Villalba, Caltanissetta, Cammarata, Agrigento da cui deriva un un vino caratteristico e inimitabile: le uve Grillo.

Vino Contea di Sclafani Grillo: caratteristiche organolettiche

E' con che vengono alla luce tutte quante le caratteristiche organolettiche naturali di un vino pregiato; infatti la degustazione di un vino DOC contempla l'esame dei 5 sensi.

Il vino Contea di Sclafani Grillo appare alla vista con un colore paglierino talvolta con riflessi verdognoli fino all'ambrato che delizia lo sguardo e deriva dalla selezione dei vitigni utilizzati. Assaporandolo quello che emerge risulta essere un gusto strutturato e asciutto, mentre all'olfatto il vino Contea di Sclafani Grillo si rivela elegante, fine, fruttato e ricco.

La gradazione del Contea di Sclafani Grillo risulta approssimativamente 10, 5 gradi mentre il giusto periodo di invecchiamento dopo il quale risulta preferibile consumare il vino è di circa 16-18 mesi.! Il corretto periodo di maturazione passato il quale risulta preferibile consumare il vino è di approssimativamente 16-18 mesi mentre la gradazione del Contea di Sclafani Grillo è all'incirca di 10, 5 gradi.

Con che cosa si abbina il vino Contea di Sclafani Grillo

E' preferibile servire il vino Contea di Sclafani Grillo ad una temperatura di servizio di più o meno 10-12 gradi assieme a piatti di pesce, antipasti di mare, aperitivi in quanto Frequentemente il segreto di una ricetta cucinata perfettamente è semplicemente la capacità di poterla portare in tavola con il vino pregiato maggiormente indicato.

Vino Contessa Entellina Grecanico DOC

Vino bianco direttamente dalla regione Sicilia: vino Contessa Entellina Grecanico

La regione Sicilia ha sempre esportato, nel corso della sua tradizione vinicola, vini pregiati ed il vino Contessa Entellina Grecanico DOC è senz'altro un importante esponente di vino bianco proveniente da questo territorio.

Il Contessa Entellina Grecanico prende vita con l'utilzzo di viti coltivate nei territori di Contessa Entellina, Palermo da cui deriva un un vino unico e inimitabile: le uve Grecanico.

Vino Contessa Entellina Grecanico all'aspetto ed al palato

E'attraverso vista, olfatto e il gusto che si possono apprezzare tutte quante le qualità naturali di un vino importante; è per questo che la degustazione di un vino pregiato si concretizza l'esame dei 5 sensi.

Deriva dalla qualità degli uvaggi che lo compongono il vino Contessa Entellina Grecanico il colore paglierino più o meno intenso con riflessi verdolini proprio dellla DOC che appaga gli occhi. Assaporandolo ciò che si evidenzia è un sapore secco e fresco, mentre all'olfatto il vino Contessa Entellina Grecanico si rivela delicato e caratteristico.

La gradazione del Contessa Entellina Grecanico risulta circa di 11, 5 gradi mentre il giusto periodo di invecchiamento dopo il quale è preferibile aprire il vino è di approssimativamente 20-22 mesi.! Il giusto tempo di invecchiamento passato il quale risulta preferibile aprire il vino è di all'incirca 20-22 mesi invece la gradazione del Contessa Entellina Grecanico risulta approssimativamente 11, 5 gradi.

Il vino Contessa Entellina Grecanico a tavola

Sovente il segreto di una ricetta cucinata alla perfezione è proprio l'abilità di saperla abbinare assieme al vino DOC maggiormente indicato motivo per cui è preferibile servire il vino Contessa Entellina Grecanico ad una temperatura di servizio di circa 10-12 gradi assieme ad antipasti mare, piatti di pesce, verdure.

Vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon DOC

Vino rosso prestigioso dalla regione Sicilia: vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon

Per coloro che sono appassionati di vino rosso DOC proveniente dalla regione Sicilia in questa pagina del sito internet ci accingiamo ad esplicitare le proprietà salienti del vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon, storico prodotto della coltura della vite locale.

Il Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon viene realizzato tramite la vendemmia di viti allevate nei comuni di Mazara del Vallo, Marsala, Petrosino, Salemi, Trapani che danno origine ad un vino unico e inimitabile: le uve Cabernet Sauvignon.

Caratteristiche organolettiche del vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon

L'atto di degustare un buon vino contempla l'esame dei 5 sensi; è dunque con l'olfatto, il gusto e la vista che si possono apprezzare tutte le caratteristiche tipiche di un vino di qualità.

Deriva dalla qualità dei vitigni che lo compongono il vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon il colore rosso rubino intenso tendente all'arancione se invecchiato della DOC che delizia la vista. In bocca quello che emerge risulta essere un sapore pieno, gradevole, armonico, giustamente tannico, allo stesso modo al naso il vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon si rivela gradevole e intenso.

La gradazione del Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon risulta circa di 11, 5 gradi invece il giusto tempo di invecchiamento dopo il quale risulta consigliabile consumare il vino risulta di all'incirca 36-48 mesi.! Il corretto periodo di invecchiamento dopo il quale risulta preferibile consumare il vino è di approssimativamente 36-48 mesi mentre la gradazione del Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon è all'incirca di 11, 5 gradi.

Il vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon a tavola

Risulta consigliabile servire il vino Delia Nivolelli Cabernet Sauvignon ad una temperatura di servizio di circa 16-18 gradi assieme a carni bianche e rosse, cacciagione, selvaggina, pecorino poichè sovente il segreto di una portata alla perfezione risulta essere semplicemente l'abilità di saperla portare in tavola assieme al vino pregiato più indicato.

Vino Eloro Nero d'Avola DOC

Vino rosso direttamente dalla regione Sicilia: vino Eloro Nero d'Avola

Per tutti gli estimatori di vino rosso DOC proveniente dalla regione Sicilia in questa sezione del sito internet andiamo ad esporre le proprietà salienti del vino Eloro Nero d'Avola, storico derivato della tradizione vinicola di quei luoghi.

E' con l'uso di uve Nero d'Avola che viene realizzato il Eloro Nero d'Avola, vitigni coltivati nelle zone di Noto, Pachino, Portopalo di Capo Passero, Rosolini, Siracusa, Ispica, Ragusa che danno origine ad un vino unico e inimitabile.

Vino Eloro Nero d'Avola: caratteristiche organolettiche

E' con l'olfatto, il gusto e la vista che si possono apprezzare tutte le caratteristiche naturali di un vino pregiato; infatti la degustazione di un vino DOC passa attraverso l'analisi sensoriale.

Deriva dalla selezione dei vitigni che lo compongono il vino Eloro Nero d'Avola il colore rosso rubino con intensità variabile proprio dellla DOC che appaga lo sguardo. Al naso il vino Eloro Nero d'Avola si rivela vinoso, contemporaneamente in bocca quello che si evidenzia risulta essere un gusto secco.

Come abbinare a tavola il Vino Eloro Nero d'Avola

Risulta consigliabile servire il vino Eloro Nero d'Avola ad una temperatura di servizio di circa 16-18 gradi con costata, maialino, agnello, capretto, selvaggina poichè Frequentemente il trucco di una pietanza alla perfezione è proprio la capacità di poterla portare in tavola con il vino pregiato maggiormente indicato.

Vino Erice DOC

Il vino Erice: vino rosso di qualità dalla regione Sicilia

Quando si parla di vini pregiati coltivati nel territorio della regione Sicilia non si può non menzionare il vino Erice, vino rosso di ottima importanza e tradizione.

E'attraverso l'uso di uve Calabrese o Nero d'Avola che nasce il Erice, vitigni coltivati nei territori di Buseto Palizzolo, Erice, Valderice, Custonaci, Castellammare del Golfo, Trapani da cui deriva un un vino unico e inimitabile.

Caratteristiche organolettiche del vino Erice

L'atto di degustare un vino pregiato si concretizza l'analisi sensoriale; è quindi attraverso che emergono tutte le proprietà tipiche di un vino pregiato.

Consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono il vino Erice il colore rosso rubino intenso con riflessi aranciati proprio dellla DOC il quale appaga gli occhi. Assaporandolo quello che emerge risulta essere un sapore moderatamente tannico, asciutto, mentre all'olfatto il vino Erice si rivela etereo, fine, vinoso.

Come abbinare a tavola il Vino Erice

Spesso il trucco di una ricetta cucinata alla perfezione risulta essere proprio la capacità di poterla servire assieme al vino di qualità più adatto e quindi risulta consigliabile servire il vino Erice ad una temperatura di servizio di circa 18-20 gradi con piatti a base di carne, primi piatti elaborati.

Vino Etna DOC

Vino bianco prestigioso dalla regione Sicilia: vino Etna

Non si può non parlare del vino Etna, vino bianco di ottima fattura e storicità, nel momento in cui si tratta di vini rilevanti realizzati all'interno della regione Sicilia.

Il Etna viene realizzato con l'uso di vitigni coltivati nelle zone di Paternò, Viagrande, Acireale, Santa Venerina, Nicolosi, Milo, Trecastagni, Zafferana, Randazzo, Castiglione di Sicilia, Liguaglossa, Catania che si trasformano in un vino caratteristico e inimitabile: le uve Carricante, Cataratto Bianco comune o lucido, Trebbiano, Minnella Bianca.

Colore e sapore del vino Etna

La degustazione di un buon vino contempla l'esame dei sensi; è quindi attraverso vista, olfatto e il gusto che si possono apprezzare tutte le proprietà naturali di un vino di qualità.

Consegue dalla qualità degli uvaggi che lo compongono il vino Etna il colore giallo paglierino talvolta con leggeri riflessi dorati proprio dellla DOC che appaga lo sguardo. Al palato ciò che emerge risulta essere un sapore secco, fresco, armonico, contemporaneamente all'olfatto il vino Etna si dimostra delicato, tipico di Carricante.

Come abbinare a tavola il Vino Etna

Risulta consigliabile servire il vino Etna ad una temperatura di più o meno 10-12 gradi con zuppe di scoglio, antipasti di pesce, pesce in umido o al cartoccio, fritture di pesce, pasta con le sarde in quanto Frequentemente il trucco di una portata perfettamente è proprio la capacità di saperla portare in tavola assieme al vino DOC più indicato.

Vino Faro DOC

Il vino Faro: vino rosso proveniente dalla regione Sicilia

Si è costretti a nominare il vino Faro, vino rosso di ottima fattura e storicità, nel momento in cui ci si appresta a parlare di vini rilevanti realizzati nel territorio della regione Sicilia.

E' tramite l'utilzzo di uve Nerello Mascalese, Nocera, Nerello Cappuccio, Calabrese, Gaglioppo, Sangiovese che prende vita il Faro, viti allevate nei territori di Messina che danno origine ad un vino unico e inconfondibile.

Vino Faro: caratteristiche organolettiche

E'attraverso che si possono apprezzare tutte quante le caratteristiche naturali di un vino importante; è per questo che la degustazione di un vino DOC contempla l'esame dei sensi.

Il vino Faro si presenta alla vista avente colore rosso rubino tendente al mattone con l'età il quale appaga lo sguardo e deriva dalla qualità dei vitigni che lo compongono. In bocca ciò che emerge è un gusto secco, armonico, di medio corpo, mentre al naso il vino Faro si rivela etereo, delicato e persistente.

La gradazione del Faro risulta all'incirca di 12 gradi invece il corretto tempo di invecchiamento passato il quale risulta preferibile aprire il vino è di all'incirca 36-48 mesi.! Il giusto periodo di invecchiamento passato il quale risulta consigliabile consumare il vino è di approssimativamente 36-48 mesi mentre la gradazione del Faro risulta approssimativamente 12 gradi.

Il vino Faro a tavola

Spesso il segreto di una portata alla perfezione risulta essere semplicemente la capacità di saperla abbinare assieme al vino pregiato maggiormente adatto motivo per cui risulta preferibile mettere in tavola il vino Faro ad una temperatura di servizio di più o meno 16-18 gradi assieme a pollame, carni bianche, formaggi saporiti e stagionati.

Vino Mamertino di Milazzo DOC

Vino rosso di qualità dalla regione Sicilia: vino Mamertino di Milazzo

La regione Sicilia ha spesso esportato, durante la sua tradizione vinicola, vini di qualità ed il vino Mamertino di Milazzo DOC risulta essere sicuramente un fulgido esponente di vino rosso prodotto in queste zone della penisola.

Il Mamertino di Milazzo prende vita con l'uso di vitigni allevati nelle zone di Messina, Barcellona Pozzo di Gotto, Milazzo, Patti, Rodi Milici, Trorregrotta, Tripi che danno origine ad un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Calabrese o Nero d'Avola, Nocera.

Sensazioni del vino Mamertino di Milazzo

La degustazione di un vino DOC si concretizza l'esame dei 5 sensi; è quindi con l'olfatto, il gusto e la vista che si possono apprezzare tutte le proprietà naturali di un vino importante.

Il vino Mamertino di Milazzo si presenta ai nostri occhi avente colore rubino più o meno tenue tendente al rosso mattone con l'età che delizia lo sguardo e consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. Al naso il vino Mamertino di Milazzo appare lievemente fruttato e delicato, contemporaneamente al palato quello che si evidenzia risulta essere un gusto secco, corposo, sapido.

Come abbinare a tavola il Vino Mamertino di Milazzo

Spesso il segreto di una ricetta perfettamente è semplicemente l'abilità di poterla servire assieme al vino DOC più indicato motivo per cui risulta consigliabile mettere in tavola il vino Mamertino di Milazzo ad una temperatura di servizio di circa 18-20 gradi assieme a piatti a base di carne, primi piatti elaborati.

Vino Menfi Syrah DOC

Vino rosso prestigioso dalla regione Sicilia: vino Menfi Syrah

La regione Sicilia ha sempre prodotto, durante la propria storia, vini di qualità ed il vino Menfi Syrah DOC è senz'altro un fulgido esponente di vino rosso prodotto in questa parte d'Italia.

Il Menfi Syrah nasce attraverso l'utilzzo di viti coltivate nei comuni di Menfi, Sambuca di Sicilia, Sciacca, Agrigento, Castelvetrano, Trapani che si trasformano in un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Syrah.

Vino Menfi Syrah all'olfatto ed al gusto

La degustazione di un vino pregiato si concretizza l'analisi sensoriale; è quindi con che si possono apprezzare tutte quante le qualità tipiche di un vino importante.

Il vino Menfi Syrah appare ai nostri occhi avente colore rubino sfumato che appaga gli occhi stessi e consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. In bocca quello che emerge risulta essere un sapore secco, piacevolmente tannico, contemporaneamente al naso il vino Menfi Syrah appare delicato, gradevole.

La gradazione del Menfi Syrah è circa di 11, 5 gradi mentre il giusto tempo di maturazione passato il quale è consigliabile aprire il vino risulta di approssimativamente 36-60 mesi.! Il corretto tempo di maturazione dopo il quale è consigliabile aprire il vino è di approssimativamente 36-60 mesi invece la gradazione del Menfi Syrah è all'incirca di 11, 5 gradi.

Il vino Menfi Syrah a tavola

Risulta preferibile servire il vino Menfi Syrah ad una temperatura di servizio di più o meno 16-18 gradi con grigliate, formaggi di varia stagionatura poichè sovente il trucco di una pietanza perfettamente risulta essere proprio la capacità di poterla servire con il vino di qualità più indicato.

Vino Monreale DOC

Vino bianco prestigioso dalla regione Sicilia: vino Monreale

Quando si discute di vini importanti coltivati nel territorio della regione Sicilia non si può non nominare il vino Monreale, vino bianco di ottima fattura e storicità.

Il Monreale nasce attraverso l'uso di vitigni presenti nei territori di Camporeale, San Giuseppe Jato, San Cipirello, Santa Cristina Gela, Corleone, Roccamena, Monreale, Piana degli Albanesi, Palermo che danno origine ad un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Ansonica, Catarratto.

Vino Monreale all'olfatto ed al gusto

E' con gusto, vista e l'olfatto che si possono apprezzare tutte le caratteristiche tipiche di un vino di qualità; è per questo che la degustazione di un vino pregiato passa attraverso l'esame dei sensi.

Il vino Monreale appare alla vista con un colore giallo paglierino tendente al dorato il quale appaga lo sguardo e deriva dalla qualità dei vitigni utilizzati. Al naso il vino Monreale si rivela fine, complesso, elegante, contemporaneamente in bocca ciò che emerge è un sapore delicato.

Il vino Monreale a tavola

E' consigliabile mettere in tavola il vino Monreale ad una temperatura di servizio di circa 10-13 gradi con piatti di mare, minestre delicate, piatti a base di pesce, formaggi poco maturi poichè Frequentemente il trucco di una ricetta alla perfezione è proprio l'abilità di saperla abbinare con il vino di qualità più adatto.

Vino Moscato di Noto DOC

Il vino Moscato di Noto: vino bianco prestigioso dalla regione Sicilia

Nella presente sezione del sito internet ci accingiamo ad esplicitare le proprietà principali del vino Moscato di Noto per venire incontro a coloro che sono amanti di vino bianco DOC della regione Sicilia, storico derivato della coltura della vite locale.

Il Moscato di Noto viene realizzato con l'utilzzo di viti allevate nelle zone di Noto, Rosolini, Pachino, Avola, Siracusa da cui deriva un un vino unico e inimitabile: le uve Moscato Bianco al cento per cento.

Colore e sapore del vino Moscato di Noto

E' con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte quante le caratteristiche organolettiche tipiche di un vino pregiato; è per questo che l'atto di degustare un vino pregiato contempla l'esame dei sensi.

Il vino Moscato di Noto si presenta ai nostri occhi con un colore dal giallo dorato più o meno intenso all'ambrato il quale appaga gli occhi stessi e deriva dalla qualità dei vitigni utilizzati. Assaporandolo ciò che si evidenzia è un sapore aromatico, mentre al naso il vino Moscato di Noto appare fragrante di moscato.

Il vino Moscato di Noto a tavola

E' preferibile mettere in tavola il vino Moscato di Noto ad una temperatura di servizio di più o meno 9-11 gradi assieme a dolci tipici siciliani, cannoli, crostacei, aperitivi in quanto sovente il trucco di una pietanza riuscita perfettamente è semplicemente la capacità di poterla servire assieme al vino pregiato più indicato.

Vino Passito di Pantelleria DOC

Il vino Passito di Pantelleria: vino bianco prestigioso dalla regione Sicilia

Non si può non nominare il vino Passito di Pantelleria, vino bianco di grande fattura e storicità, quando si discute di vini prestigiosi coltivati nel territorio della regione Sicilia.

E' tramite l'uso di uve Zibibbo in purezza sottoposto ad appassimento che nasce il Passito di Pantelleria, viti allevate nei comuni di Pantelleria, Trapani che si trasformano in un vino caratteristico e inconfondibile.

Caratteristiche organolettiche del vino Passito di Pantelleria

E' con gusto, vista e l'olfatto che si possono apprezzare tutte quante le proprietà naturali di un vino pregiato; è per questo che la degustazione di un buon vino passa attraverso l'esame dei 5 sensi.

Consegue dalla qualità dei vitigni utilizzati il vino Passito di Pantelleria il colore giallo dorato talvolta tendente all'ambra proprio dellla DOC che delizia gli occhi. Al palato ciò che emerge risulta essere un gusto aromatico, dolce, gradevole, allo stesso modo all'olfatto il vino Passito di Pantelleria si dimostra fragrante di moscato.

La gradazione del Passito di Pantelleria è circa di 20 gradi invece il giusto periodo di invecchiamento passato il quale è preferibile aprire il vino è di approssimativamente 16 mesi.! Il giusto periodo di invecchiamento passato il quale è consigliabile aprire il vino risulta di approssimativamente 16 mesi mentre la gradazione del Passito di Pantelleria è circa di 20 gradi.

Il vino Passito di Pantelleria a tavola

Spesso il segreto di una portata cucinata perfettamente risulta essere semplicemente l'abilità di saperla servire con il vino DOC maggiormente adatto e quindi è preferibile servire il vino Passito di Pantelleria ad una temperatura di servizio di più o meno 14-15 gradi con pasticceria secca, dolci al cioccolato, formaggi piccanti.

Vino Moscato di Siracusa DOC

Il vino Moscato di Siracusa: vino bianco pregiato dalla regione Sicilia

Nella presente pagina del sito web passiamo ad esporre le caratteristiche principali che contraddistingono il vino Moscato di Siracusa per tutti gli appassionati di vino bianco DOC della regione Sicilia, ottimo derivato della coltura della vite locale.

E'attraverso l'uso di uve Moscato bianco in purezza sottoposto ad appassimento che viene realizzato il Moscato di Siracusa, vitigni coltivati nelle zone di Siracusa che si trasformano in un vino caratteristico e inimitabile.

Vino Moscato di Siracusa all'aspetto ed al palato

La degustazione di un vino pregiato si concretizza l'analisi sensoriale; è infatti attraverso vista, olfatto e il gusto che vengono alla luce tutte le caratteristiche organolettiche tipiche di un vino importante.

Il vino Moscato di Siracusa si presenta alla vista con un colore giallo oro vecchio con riflessi ambrace il quale appaga gli occhi stessi e consegue dalla qualità degli uvaggi utilizzati. In bocca quello che si evidenzia risulta essere un gusto dolce, gradevole, vellutato, mentre all'olfatto il vino Moscato di Siracusa si rivela delicato.

Il vino Moscato di Siracusa a tavola

Sovente il trucco di una portata riuscita perfettamente risulta essere proprio l'abilità di saperla portare in tavola assieme al vino di qualità maggiormente indicato motivo per cui è preferibile servire il vino Moscato di Siracusa ad una temperatura di servizio di più o meno 12-14 gradi assieme a torte di mandorle, cannoli siciliani, dessert.

Vino Riesi Superiore DOC

Il vino Riesi Superiore: vino rosso pregiato dalla regione Sicilia

Quando si discute di vini importanti realizzati all'interno della regione Sicilia è obbligatorio parlare del vino Riesi Superiore, vino rosso di ottima fattura e tradizione.

E'attraverso la vendemmia di uve Calabrese o Nero d'Avola che prende vita il Riesi Superiore, viti coltivate nei territori di Butera, Riesi, Mazzarino, Caltanissetta che si trasformano in un vino unico e inimitabile.

Vino Riesi Superiore: caratteristiche organolettiche

E'attraverso che emergono tutte quante le caratteristiche organolettiche naturali di un vino pregiato; infatti l'atto di degustare un vino DOC si concretizza l'analisi sensoriale.

Il vino Riesi Superiore si presenta alla vista avente colore rubino intenso tendente al granato il quale delizia gli occhi stessi e consegue dalla selezione dei vitigni utilizzati. Al naso il vino Riesi Superiore si rivela etereo, gradevole, intenso, mentre al palato quello che si evidenzia è un gusto pieno, armonico, caldo, persistente.

La gradazione del Riesi Superiore è circa di 13 gradi mentre il giusto periodo di maturazione passato il quale risulta preferibile consumare il vino è di all'incirca 24 mesi.! Il corretto tempo di maturazione dopo il quale risulta preferibile consumare il vino è di circa 24 mesi mentre la gradazione del Riesi Superiore risulta approssimativamente 13 gradi.

Con che cosa si abbina il vino Riesi Superiore

E' consigliabile mettere in tavola il vino Riesi Superiore ad una temperatura di più o meno 16-18 gradi assieme a primi con ragù, piatti di carne rossa e bianca poichè sovente il trucco di una pietanza riuscita alla perfezione risulta essere proprio la capacità di poterla servire con il vino pregiato più adatto.

Vino Salaparuta DOC

Vino rosso pregiato dalla regione Sicilia: vino Salaparuta

E'obbligatorio parlare del vino Salaparuta, vino rosso di ottima importanza e storicità, nel momento in cui si discute di vini rilevanti realizzati nel territorio della regione Sicilia.

E' con la vendemmia di uve Nero d'Avola che prende vita il Salaparuta, viti presenti nei comuni di Salaparuta, Trapani che danno origine ad un vino caratteristico e inimitabile.

Sensazioni del vino Salaparuta

E'attraverso gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le qualità tipiche di un vino pregiato; è per questo che l'atto di degustare un vino DOC passa attraverso l'esame dei 5 sensi.

Deriva dalla selezione degli uvaggi che lo compongono il vino Salaparuta il colore rosso intenso proprio dellla DOC il quale delizia gli occhi. Assaporandolo ciò che si evidenzia risulta essere un sapore strutturato, ricco e corposo, allo stesso modo al naso il vino Salaparuta si dimostra gradevole e fine.

Con che cosa si abbina il vino Salaparuta

Frequentemente il segreto di una pietanza riuscita alla perfezione è proprio l'abilità di poterla portare in tavola con il vino DOC più adatto motivo per cui risulta consigliabile mettere in tavola il vino Salaparuta ad una temperatura di servizio di più o meno 18-20 gradi con carni rosse, arrosti e grigliate.

Vino Sambuca di Sicilia Chardonnay DOC

Il vino Sambuca di Sicilia Chardonnay: vino bianco di qualità dalla regione Sicilia

In questa sezione del sito web ci accingiamo ad esplicitare le caratteristiche salienti che contraddistingono il vino Sambuca di Sicilia Chardonnay per venire incontro a tutti gli amanti di vino bianco DOC della regione Sicilia, ottimo prodotto della tradizione vinicola di quei luoghi.

Il Sambuca di Sicilia Chardonnay viene realizzato con l'uso di vitigni coltivati nei territori di Sambuca di Sicilia, Agrigento che danno origine ad un vino unico e inimitabile: le uve Chardonnay.

Colore e sapore del vino Sambuca di Sicilia Chardonnay

La degustazione di un vino DOC si concretizza l'esame dei sensi; è infatti attraverso che vengono alla luce tutte quante le caratteristiche tipiche di un vino importante.

Consegue dalla qualità degli uvaggi che lo compongono il vino Sambuca di Sicilia Chardonnay il colore bianco paglierino più o meno intenso, talvolta con riflessi verdolini della DOC che appaga gli occhi. Al palato quello che si evidenzia è un gusto pieno, armonico, secco, mentre al naso il vino Sambuca di Sicilia Chardonnay si rivela varietale.

La gradazione del Sambuca di Sicilia Chardonnay risulta all'incirca di 11 gradi invece il corretto tempo di invecchiamento passato il quale risulta preferibile consumare il vino risulta di approssimativamente 18-24 mesi.! Il corretto tempo di maturazione dopo il quale risulta consigliabile aprire il vino è di all'incirca 18-24 mesi invece la gradazione del Sambuca di Sicilia Chardonnay risulta approssimativamente 11 gradi.

Con che cosa si abbina il vino Sambuca di Sicilia Chardonnay

E' consigliabile mettere in tavola il vino Sambuca di Sicilia Chardonnay ad una temperatura di circa 10-12 gradi assieme a piatti della cucina marinara in quanto spesso il segreto di una pietanza cucinata alla perfezione risulta essere proprio la capacità di poterla portare in tavola assieme al vino di qualità maggiormente indicato.

Vino Santa Margherita di Belice Grecanico DOC

Il vino Santa Margherita di Belice Grecanico: vino bianco direttamente dalla regione Sicilia

La regione Sicilia ha sempre prodotto, nel corso della propria tradizione vinicola, vini rinomati ed il vino Santa Margherita di Belice Grecanico DOC risulta essere senz'altro un importante esponente di vino bianco proveniente da questa parte d'Italia.

E' tramite l'utilzzo di uve Grecanico che viene realizzato il Santa Margherita di Belice Grecanico, viti allevate nei territori di Santa Margherita di Belice, Montevago, Agrigento che danno origine ad un vino unico e inimitabile.

Sensazioni del vino Santa Margherita di Belice Grecanico

L'atto di degustare un buon vino si concretizza l'esame dei sensi; è dunque attraverso l'olfatto, il gusto e la vista che vengono alla luce tutte quante le caratteristiche organolettiche tipiche di un vino importante.

Il vino Santa Margherita di Belice Grecanico appare alla vista avente colore paglierino tenue con riflessi verdognoli il quale appaga gli occhi stessi e deriva dalla qualità degli uvaggi utilizzati. Al naso il vino Santa Margherita di Belice Grecanico si dimostra delicato e fine, contemporaneamente in bocca quello che si evidenzia è un sapore secco e pieno.

Come abbinare a tavola il Vino Santa Margherita di Belice Grecanico

Risulta consigliabile mettere in tavola il vino Santa Margherita di Belice Grecanico ad una temperatura di servizio di circa 9-11 gradi con pasta con le sarde, piatti di pesce, funghi in quanto sovente il segreto di una pietanza cucinata alla perfezione è semplicemente l'abilità di saperla servire con il vino DOC maggiormente indicato.

Vino Sciacca Riserva Rayana DOC

Il vino Sciacca Riserva Rayana: vino bianco proveniente dalla regione Sicilia

La regione Sicilia ha spesso esportato, durante la sua storia, vini rinomati ed il vino Sciacca Riserva Rayana DOC è sicuramente un fulgido esempio di vino bianco prodotto in questo territorio.

Il Sciacca Riserva Rayana nasce con l'utilzzo di viti presenti nelle zone di Rayana, Sciacca da cui deriva un un vino caratteristico e inimitabile: le uve Catarratto lucido e Inzolia.

Vino Sciacca Riserva Rayana: profumo e gusto

La degustazione di un vino pregiato passa attraverso l'analisi sensoriale; è quindi con l'olfatto, il gusto e la vista che emergono tutte le caratteristiche organolettiche naturali di un vino di qualità.

Il vino Sciacca Riserva Rayana appare ai nostri occhi con un colore giallo dorato carico che appaga lo sguardo e deriva dalla qualità dei vitigni utilizzati. In bocca ciò che si evidenzia risulta essere un sapore gradevole e pieno, allo stesso modo all'olfatto il vino Sciacca Riserva Rayana appare intenso e persistente.

Con che cosa si abbina il vino Sciacca Riserva Rayana

Sovente il segreto di una ricetta alla perfezione è proprio l'abilità di poterla servire assieme al vino pregiato maggiormente adatto e quindi risulta consigliabile mettere in tavola il vino Sciacca Riserva Rayana ad una temperatura di servizio di più o meno 11-13 gradi assieme a crostacei, sufflè, piatti di pesce alla griglia.

Vino Vittoria Inzolia DOC

Il vino Vittoria Inzolia: vino bianco proveniente dalla regione Sicilia

La regione Sicilia ha spesso esportato, durante la sua storia, vini importanti ed il vino Vittoria Inzolia DOC è senz'altro un importante esempio di vino bianco proveniente da questa parte d'Italia.

Il Vittoria Inzolia viene realizzato con l'uso di vitigni presenti nei territori di Vittoria, Comiso, Acate, Chiaramonte Gulfi, Santa Croce Camerina, Ragusa, Niscemi, Gela, Riesi, Butera, Mazzarino, Caltanissetta, Caltagirone, Licodia Eubea, Mazzarone, Catania che danno origine ad un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Ansonica o Inzolia.

Caratteristiche organolettiche del vino Vittoria Inzolia

E'attraverso vista, olfatto e il gusto che vengono alla luce tutte le caratteristiche organolettiche naturali di un vino di qualità; è per questo che la degustazione di un vino pregiato contempla l'esame dei sensi.

Il vino Vittoria Inzolia si presenta alla vista avente colore giallo il quale appaga gli occhi stessi e consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. All'olfatto il vino Vittoria Inzolia si dimostra fruttato e delicato, mentre in bocca ciò che emerge è un sapore secco.

La gradazione del Vittoria Inzolia risulta circa di 11, 5 gradi invece il giusto periodo di invecchiamento passato il quale è consigliabile aprire il vino risulta di approssimativamente 16-20 mesi.! Il corretto tempo di invecchiamento dopo il quale risulta preferibile aprire il vino risulta di circa 16-20 mesi invece la gradazione del Vittoria Inzolia è all'incirca di 11, 5 gradi.

Come abbinare a tavola il Vino Vittoria Inzolia

Risulta preferibile mettere in tavola il vino Vittoria Inzolia ad una temperatura di circa 10-12 gradi assieme a minestre, antipasti di mare, piatti di pesce, antipasti di terra in quanto Frequentemente il trucco di una portata riuscita perfettamente è proprio l'abilità di poterla portare in tavola assieme al vino DOC più indicato.