VINI DELLA LIGURIA

Vini Liguria

I vini della Liguria: vini liguri DOC, DOCG e IGT

I vini in Liguria sono un qualcosa di estremamente prezioso e non potrebbe essere altrimenti data la particolare conformazione del territorio.

Il vino in Liguria è il risultato di molta fatica, di molte giornate passate a raccogliere l'uva sotto il sole cocente su e giù per terreni scoscesi ed impervi. D'altra parte lo spazio non abbonda, schiacciata com'è tra mare e monti, e già il fatto che la viticoltura sia praticata con un buon successo può già essere considerato come qualcosa fuori dell'ordinario.

La produzione dei vini in Liguria

Questa tipologia di terreno rende la produzione di vini in Liguria estremamente frazionata senza soluzione di continuità territoriale. Il risultato è che chiaramente i costi di produzione aumentano e aumenta di conseguenza anche il costo della bottiglia finale. Durante i secoli il vino ligure si è coltivato in terrazzamenti posti alle spalle dei paesi costieri lungo i pendii dalla parte opposta del mare. Bisogna pensare anche che i liguri sono sempre stati un popolo di navigatori ed hanno importato durante gli anni vitigni trovati dall'altra parte del mondo.

Le uve dei vini liguri

I vini presenti in Liguria provengono da non molti vitigni selezionati: Albana, Albarola, Bianchetta, Bosco, Buonamico, Ciliegiolo, Malvasia del Chianti, Dolcetto, Rossese, Trebbiano Toscano, vermentino ed altri. Tra questi il più famoso è il Rossese dal quale viene prodotto il celebre Rossese di Dolceacqua DOC, forse il vino a denominazione di origine controllata più conosciuto della Liguria.

Vini in Liguria: il Vermentino e il Cinque Terre

Vogliamo qui ricordare altri due vini della Liguria degni di menzione. Il primo è il Vermentino, molto conosciuto e coltivato in quasi tutto il territorio della regione, apprezzato sia dagli abitanti del luogo che dai turisti stranieri. Il secondo è il Cinque Terre DOC la cui produzione non è elevatissima ma merita sicuramente menzione sia per le particolari caratteristiche organolettiche sia per il modo di vendemmiare a mano, ancora identico nel corso dei secoli, proprio dei cinque paesi delle Cinque Terre.

Rossese di Dolceacqua DOC

Vino rosso pregiato dalla regione Liguria: vino Rossese di Dolceacqua

Il vino Rossese di Dolceacqua DOC risulta essere uno dei vini maggiormente famosi provenienti dal Liguria e il vitigno è presente sin dal tempo dei greci.

Il vino Rossese di Dolceacqua è un vino rosso e i vitigni utilizzati per la sua composizione sono Rossese (95%) più altre uve nere locali.

Sensazioni del vino Rossese di Dolceacqua

Andiamo ora ad esplicitare le caratteristiche organolettiche che caratterizzano il vino Rossese di Dolceacqua e che gli consentono di essere annoverato come uno fra i vini d’Italia più esclusivi.

Aprendo una bottiglia il vino Rossese di Dolceacqua appare di un colore rosso rubino con tenui venature di granata mentre al naso risulta intenso e ampio con sentori di ribes e rosa appassita. E’ però il il sapore ciò che distingue un vino esclusivo dai vini di tutti i giorni. Assaporandolo il vino Rossese di Dolceacqua risulta essere sottile, asciutto e morbido con vena amarognola.

Gradi del Rossese di Dolceacqua DOC e invecchiamento

Il Rossese di Dolceacqua è un vino con una gradazione di 12 (13 il Superiore) gradi circa ed il tempo di invecchiamento in cui risulta consigliata la sua degustazione è di 2-4 anni. Tutti gli anni sono raccolti all’incirca 2000 hl di vino Rossese di Dolceacqua che corrispondono a circa 230000 bottiglie.

Le località d’Italia nei quali la coltivazione del Rossese di Dolceacqua è più presente sono i territori di Dolceacqua, Camporosso, Soldano.

Come abbinare a tavola il Vino Rossese di Dolceacqua

Saper abbinare ai cibi più saporiti un buon vino è una tra quelle cose che valorizzano la tua tavola. Il vino Rossese di Dolceacqua è adatto in special modo ad essere servito con carni bianche arrosto, coniglio, faraona, formaggi mediamente stagionati.

Orneasco Riviera Ligure Di Ponente DOC

Il vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente: vino rosso direttamente dalla regione Liguria

Il vino Orneasco Riviera Ligure Di Ponente DOC vede iniziare la sua diffusione nella nostra nazione durante il 1303 dall’utilizzo di uve Dolcetto (95% minimo).

Da quella data il vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente è un vino rosso tra i più caratteristici del territorio della regione Liguria all’interno della quale sono raccolti i maggiori centri di coltivazione.

Sensazioni del vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente

Un vino pregiato ha la capacità di appagare, tramite le insite caratteristiche organolettiche, il palato e l’olfatto della persona che lo consuma ed in questo talento il vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente sembra eccellere facilmente.

Degustandolo il sapore del vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente è tannico e morbido con leggero fondo amarognolo ed alla vista si presenta rosso rubino. Bisogna segnalare che la bellezza di assaggiarlo inizia durante il primo momento della degustazione poiché il suo caratteristico profumo vinoso intenso con note di ciliegia, mora e viola soddisferà il vostro olfatto.

Dove si produce il Orneasco Riviera Ligure Di Ponente DOC

Il Orneasco Riviera Ligure di Ponente è un vino avente una percentuale alcolica di 11 (12, 5 il Superiore) gradi approssimativamente mentre il tempo di maturazione dopo il quale è ideale la sua degustazione è di 5-7 anni anni. Tutte le vendemmie vengono prodotti circa 1800 ettolitri di vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente che corrispondono a più o meno 240000 bottiglie.

Se volete provare il vero vino Orneasco Riviera Ligure Di Ponente DOC potete recarvi nelle zone di Pieve di Teco, Pornassio.

Con che cosa si abbina il vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente

Saper abbinare ai cibi più saporiti un vino adatto appare una di quelle peculiarità capaci di impreziosire la tua cena. Il vino Orneasco Riviera Ligure di Ponente è ideale in particolar modo ad accompagnare farinata, formaggette, arrosti di carni bianche.

Pigato Riviera Ligure Di Ponente DOC

Vino bianco pregiato dalla regione Liguria: vino Pigato Riviera Ligure di Ponente

Il vino Pigato Riviera Ligure Di Ponente DOC è fra i vini maggiormente caratteristici del territorio del Liguria e viene coltivato sin dal tempo dei latini.

Il vino Pigato Riviera Ligure di Ponente è un vino bianco e le uve utilizzate per la sua composizione sono Pigato (95% minimo).

Vino Pigato Riviera Ligure di Ponente all’aspetto ed al palato

Andiamo ora ad esaminare le sensazioni olfattive e gustative le quali contraddistinguono il vino Pigato Riviera Ligure di Ponente e le quali gli consentono di essere annoverato quale uno dei vini italiani più tipici.

Alla vista il vino Pigato Riviera Ligure di Ponente appare di un colore giallo paglierino brillante mentre al naso appare vinoso e avvolgente con aromi di cedro, mandorla, muschio e pesca. Ma è il gusto ciò che separa un vino pregiato dai vini di tutti i giorni. Al palato il vino Pigato Riviera Ligure di Ponente si rivela corposo e autorevole, lungo nel ritorno delle note olfattive.

Vino Pigato Riviera Ligure di Ponente: produzione e gradazione

Il Pigato Riviera Ligure di Ponente è un vino avente una gradazione di 11 gradi approssimativamente mentre il periodo di maturazione dopo il quale risulta ottimale la sua degustazione è di 1-2 anni. Ogni stagione vengono prodotti approssimativamente 9300 hl di vino Pigato Riviera Ligure di Ponente i quali corrispondono a più o meno 1300000 bottiglie.

Nel caso in cui vogliate trovare il vero vino Pigato Riviera Ligure Di Ponente DOC non dovete fare altro che recarvi nelle zone di Albenga, Pieve di Teco, Diano Castello, Finale Ligure, Imperia.

Con che cosa si abbina il vino Pigato Riviera Ligure di Ponente

L’abilità di associare ai cibi più ricercati un vino di qualità appare una delle peculiarità che valorizzano la tua tavola. Il vino Pigato Riviera Ligure di Ponente è ideale in special modo ad abbinarsi con cucina marinara, branzini al forno, antipasti di verdure, frutti di mare.

Vermentino Riviera Ligure Di Ponente DOC

Vino bianco prestigioso dalla regione Liguria: vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente

Il vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente DOC risulta essere tra i vini maggiormente pregiati del territorio del Liguria e il vitigno viene coltivato sin dal ottocento.

Il vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente è un vino bianco e le uve utilizzate per la sua composizione risultano essere Vermentino (95% minimo).

Vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente: profumo e gusto

Un vino di qualità deve saper appagare, tramite le sue caratteristiche organolettiche, l’olfatto ed il palato della persona che lo degusta ed in questo il vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente sembra eccellere senza difficoltà.

In bocca il sapore del vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente è deciso e netto anche se con un fondo avvolgente e morbido mentre il colore appare giallo con riflessi dorati. Bisogna dire che il piacere di assaporarlo comincia già dalla prima fase della degustazione poiché il suo inebriante profumo ricco con sentori di salvia, cedro e rosmarino appagherà il naso.

Dove si produce il Vermentino Riviera Ligure Di Ponente DOC

Il Vermentino Riviera Ligure Di Ponente risulta essere un vino avente una gradazione di 11 gradi approssimativamente mentre il tempo di invecchiamento in cui è ottimale la sua consumazione è di 1-2 anni. Tutti gli anni vengono prodotti approssimativamente 5000 hl di vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente i quali danno luogo a circa 670000 bottiglie.

Nel caso in cui desideriate provare il vero vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente DOC non dovete fare altro che recarvi nei territori di Finale Ligure, Albenga, Pieve di Teco, Imperia, Diano Castello, Camporosso.

Con che cosa si abbina il vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente

La capacità di associare ai piatti più ricercati un vino adatto appare una tra quelle cose che valorizzano la tua tavola. Il vino Vermentino Riviera Ligure Di Ponente risulta adatto in particolar modo ad abbinarsi con verdure ripiene, pansotti in salsa di noci, risotti di mare.

Cinque Terre DOC

Vino bianco direttamente dalla regione Liguria: vino Cinque Terre

Il vino Cinque Terre DOC sembra cominci la propria diffusione in Italia durante il tempo dei Romani dall’utilizzo di uve Bosco (40% minimo), Albarola e Vermentino (40% massimo) ed altre uve autorizzate per la provincia di La Spezia.

Da quella data il vino Cinque Terre è un vino bianco tra i più ricercati del territorio della regione Liguria all’interno della quale sono raccolti i maggiori centri di produzione.

Sensazioni del vino Cinque Terre

Un vino DOC ha l’obbligo di appagare, tramite le proprie proprietà organolettiche, tutti i sensi della persona che lo consuma ed in questo talento il vino Cinque Terre sembra riuscire facilmente.

Degustandolo il sapore del vino Cinque Terre è secco, leggero, costante ed il colore si presenta giallo paglierino di variabile intensità. Ma dire che il piacere di assaporarlo comincia già dal il primo momento della degustazione quando il suo fantastico profumo fine e persistente con aromi di erbe di campo e di cedro appagherà il vostro olfatto.

La produzione del Cinque Terre DOC

Il Cinque Terre risulta essere un vino avente una percentuale alcolica di 11 gradi approssimativamente mentre il tempo di maturazione in cui è consigliata la sua consumazione è di 1-2 anni. Ogni anno sono raccolti circa 2000 hl di vino Cinque Terre i quali danno luogo a più o meno 270000 bottiglie.

Se desiderate provare il reale vino Cinque Terre DOC non dovete fare altro che recarvi nelle zone di Cinque Terre, Riomaggiore, Manarola, Vernazza, Monterosso, Corniglia.

Il vino Cinque Terre a tavola

Saper associare ai piatti più prelibati un vino adatto appare una delle peculiarità che valorizzano la tua cena. Il vino Cinque Terre risulta ideale in particolar modo ad abbinarsi con trenette al pesto, torte di verdura, fritture, aragoste.

Vino Cinque Terre Sciacchetrà DOC

Vino bianco pregiato dalla regione Liguria: vino Cinque Terre Sciacchetrà

Nel momento in cui si discute di vini prestigiosi realizzati nel territorio della regione Liguria non si può non parlare del vino Cinque Terre Sciacchetrà, vino bianco di grande fattura e tradizione.

E' tramite l'uso di uve Bosco, Albarola, Vermentino che nasce il Cinque Terre Sciacchetrà, viti allevate nei territori di Riomaggiore, vernazza, Monterosso, Tramonti di Biassa, Tramonti di Campiglia, La Spezia da cui deriva un un vino unico e inconfondibile.

Caratteristiche organolettiche del vino Cinque Terre Sciacchetrà

L'atto di degustare un vino pregiato passa attraverso l'esame dei 5 sensi; è quindi con gusto, vista e l'olfatto che emergono tutte le proprietà naturali di un vino pregiato.

Consegue dalla selezione dei vitigni utilizzati il vino Cinque Terre Sciacchetrà il colore giallo dorato con riflessi ambrati, di bella vivacità proprio dellla DOC il quale delizia la vista. In bocca ciò che emerge risulta essere un gusto dolce, caldo, vellutato con retrogusto mandorlato, contemporaneamente all'olfatto il vino Cinque Terre Sciacchetrà si rivela intenso con note di fiori, di miele e di frutta appassita.

Con che cosa si abbina il vino Cinque Terre Sciacchetrà

Risulta consigliabile mettere in tavola il vino Cinque Terre Sciacchetrà ad una temperatura di più o meno 15-16 gradi con pasticceria secca, paste alla crema, pandolce alla genovese in quanto Frequentemente il trucco di una portata cucinata alla perfezione risulta essere proprio l'abilità di saperla abbinare assieme al vino pregiato maggiormente adatto.

Vino Colli di Luni Vermentino DOC

Il vino Colli di Luni Vermentino: vino bianco pregiato dalla regione Liguria

La regione Liguria ha spesso sfornato, durante la sua storia, vini rinomati ed il vino Colli di Luni Vermentino DOC risulta essere sicuramente un importante esponente di vino bianco prodotto in queste zone della penisola.

Il Colli di Luni Vermentino prende vita attraverso l'utilzzo di vitigni allevati nei comuni di La Spezia, Ortonovo, Sarzana, Lerici, Massa carrara, Fosdinovo, Aulla, Podenzana da cui deriva un un vino unico e inimitabile: le uve Vermentino più eventuali aggiunte di Trebbiano Toscano e Malvasia Bianca.

Colore e sapore del vino Colli di Luni Vermentino

La degustazione di un vino DOC passa attraverso l'esame dei 5 sensi; è dunque con gusto, vista e l'olfatto che si possono apprezzare tutte le caratteristiche tipiche di un vino pregiato.

Deriva dalla selezione dei vitigni utilizzati il vino Colli di Luni Vermentino il colore giallo paglierino più o meno carico proprio dellla DOC il quale delizia lo sguardo. Al naso il vino Colli di Luni Vermentino si rivela delicato con note floreali, intenso, contemporaneamente assaporandolo quello che emerge è un sapore asciutto, armonico con retrogusto di mandorla.

Con che cosa si abbina il vino Colli di Luni Vermentino

E' preferibile servire il vino Colli di Luni Vermentino ad una temperatura di servizio di circa 10-12 gradi assieme ad antipasti magri, risotti con verdura, pasta al pesto, pesce alla brace o al cartoccio poichè spesso il segreto di una ricetta riuscita alla perfezione risulta essere semplicemente l'abilità di poterla abbinare con il vino DOC più adatto.

Vino Colline di Levanto DOC

Il vino Colline di Levanto: vino rosso proveniente dalla regione Liguria

La regione Liguria ha spesso esportato, durante la sua storia, vini di qualità ed il vino Colline di Levanto DOC è senz'altro un fulgido esempio di vino rosso prodotto in questo territorio.

Il Colline di Levanto prende vita con l'uso di viti coltivate nelle zone di Levanto, Bonassola, Framura, Deiva Marina, La Spezia che si trasformano in un vino caratteristico e inimitabile: le uve Sangiovese, Ciliegiolo.

Vino Colline di Levanto: profumo e gusto

E' con gusto, vista e l'olfatto che si possono apprezzare tutte le proprietà naturali di un vino di qualità; è per questo che l'atto di degustare un vino pregiato passa attraverso l'esame dei 5 sensi.

Deriva dalla qualità degli uvaggi utilizzati il vino Colline di Levanto il colore rosso rubino più o meno carico proprio dellla DOC il quale appaga la vista. Al naso il vino Colline di Levanto si rivela delicato, persistente con tenue vinosità, allo stesso modo in bocca quello che si evidenzia risulta essere un sapore asciutto, abbastanza corposo, delicato.

La gradazione del Colline di Levanto risulta all'incirca di 11 gradi invece il giusto periodo di invecchiamento dopo il quale risulta consigliabile aprire il vino risulta di circa 12-24 mesi.! Il giusto tempo di maturazione dopo il quale è preferibile aprire il vino è di all'incirca 12-24 mesi mentre la gradazione del Colline di Levanto è all'incirca di 11 gradi.

Il vino Colline di Levanto a tavola

Spesso il segreto di una pietanza alla perfezione risulta essere proprio la capacità di saperla portare in tavola con il vino di qualità più adatto e quindi è consigliabile mettere in tavola il vino Colline di Levanto ad una temperatura di circa 16-18 gradi assieme a farinata, coniglio alla ligure, formaggi di media stagionatura.

Vino Golfo del Tigullio Passito DOC

Il vino Golfo del Tigullio Passito: vino bianco direttamente dalla regione Liguria

Si è costretti a nominare il vino Golfo del Tigullio Passito, vino bianco di grande importanza e storicità, quando ci si appresta a parlare di vini importanti coltivati nel territorio della regione Liguria.

Il Golfo del Tigullio Passito nasce tramite l'uso di viti coltivate nei comuni di Genova, Rapallo, Santa Margherita, Portofino che danno origine ad un vino unico e inconfondibile: le uve Vermentino e Bianchetta appassite.

Vino Golfo del Tigullio Passito: profumo e gusto

La degustazione di un buon vino passa attraverso l'esame dei 5 sensi; è infatti attraverso gusto, vista e l'olfatto che vengono alla luce tutte quante le proprietà naturali di un vino importante.

Consegue dalla qualità dei vitigni che lo compongono il vino Golfo del Tigullio Passito il colore giallo oro intenso proprio dellla DOC che appaga gli occhi. All'olfatto il vino Golfo del Tigullio Passito si rivela ampio, intenso, persistente con sentori di frutta passita, contemporaneamente assaporandolo quello che emerge risulta essere un gusto dolce, caldo, sapido, pieno.

Con che cosa si abbina il vino Golfo del Tigullio Passito

E' consigliabile mettere in tavola il vino Golfo del Tigullio Passito ad una temperatura di più o meno 10-13 gradi assieme a dolci al cucchiaio, strudel, pasticceria secca poichè spesso il trucco di una pietanza cucinata alla perfezione è semplicemente la capacità di saperla servire con il vino DOC più adatto.

Vino Ormeasco di Pornassio DOC

Il vino Ormeasco di Pornassio: vino rosso proveniente dalla regione Liguria

Si è costretti a nominare il vino Ormeasco di Pornassio, vino rosso di grande fattura e storicità, quando si parla di vini prestigiosi prodotti nel territorio della regione Liguria.

Il Ormeasco di Pornassio viene realizzato con la vendemmia di vitigni allevati nelle zone di Imperia, Pornassio, Molini di Triora che danno origine ad un vino caratteristico e inconfondibile: le uve Ormeasco o Dolcetto.

Caratteristiche organolettiche del vino Ormeasco di Pornassio

E'attraverso vista, olfatto e il gusto che si possono apprezzare tutte quante le proprietà tipiche di un vino di qualità; è per questo che l'atto di degustare un buon vino si concretizza l'esame dei 5 sensi.

Il vino Ormeasco di Pornassio si presenta ai nostri occhi con un colore rosso rubino vivo che delizia gli occhi stessi e consegue dalla selezione degli uvaggi che lo compongono. All'olfatto il vino Ormeasco di Pornassio si dimostra persistente, vinoso, allo stesso modo in bocca ciò che emerge risulta essere un gusto corposo, asciutto, con vena amarognola.

La gradazione del Ormeasco di Pornassio è circa di 11 gradi mentre il corretto periodo di invecchiamento dopo il quale è preferibile aprire il vino è di all'incirca 6-36 mesi.! Il giusto periodo di invecchiamento dopo il quale risulta preferibile consumare il vino è di circa 6-36 mesi invece la gradazione del Ormeasco di Pornassio risulta approssimativamente 11 gradi.

Con che cosa si abbina il vino Ormeasco di Pornassio

Sovente il trucco di una pietanza alla perfezione risulta essere semplicemente la capacità di poterla servire con il vino DOC più adatto e quindi è consigliabile servire il vino Ormeasco di Pornassio ad una temperatura di circa 16-18 gradi con grigliate di carne, arrosti, formaggi.

Vino Val Polcevera DOC

Il vino Val Polcevera: vino bianco di qualità dalla regione Liguria

E'obbligatorio menzionare il vino Val Polcevera, vino bianco di ottima importanza e tradizione, quando si discute di vini pregiati prodotti all'interno della regione Liguria.

E'attraverso l'uso di uve Vermentino, Bianchetta Genovese, Albarola che nasce il Val Polcevera, viti presenti nei territori di Sant'Olcese, Serra Riccò, Mignanego, Campomorone, Ceranesi, Mele, Genova che si trasformano in un vino caratteristico e inimitabile.

Sensazioni del vino Val Polcevera

L'atto di degustare un vino DOC si concretizza l'analisi sensoriale; è quindi attraverso che vengono alla luce tutte le proprietà tipiche di un vino importante.

Il vino Val Polcevera appare alla vista con un colore giallo paglierino più o meno carico il quale delizia lo sguardo e consegue dalla selezione dei vitigni utilizzati. Al palato quello che si evidenzia risulta essere un sapore mediamente corposo, asciutto, contemporaneamente all'olfatto il vino Val Polcevera si rivela lievemente vinoso.

Con che cosa si abbina il vino Val Polcevera

Sovente il trucco di una pietanza cucinata perfettamente è semplicemente la capacità di saperla portare in tavola assieme al vino di qualità maggiormente indicato e quindi è consigliabile mettere in tavola il vino Val Polcevera ad una temperatura di servizio di circa 14-17 gradi assieme a salumi, coniglio, primi piatti saporiti.